Streaming e Web Service

Facebook Preventive Health, i promemoria per i controlli medici da fare arrivano sul social

Superati i quarant’anni è necessario effettuare ciclicamente una serie di controlli medici, onde prevenire l’insorgere di malattie e disturbi vari, ma tenere traccia di tutto nelle nostre vite frenetiche può diventare piuttosto impegnativo. Per questo Facebook ha sviluppato Preventive Health, uno strumento che si occuperà di offrirci promemoria personalizzati riguardo ai check-up medici consigliati, sulla base dei nostri dati personali. Per il momento il servizio sarà attivo solo negli Stati Uniti, ma se avrà successo il colosso dei social network lo renderà disponibile anche al di fuori dei confini nazionali.

“Supponiamo che tu abbia 52 anni. Una delle cose che l’app ti ricorderà, sulla base delle raccomandazioni dell’American Cancer Society, è di effettuare uno screening del cancro del colon-retto”, ha spiegato ai colleghi di The Verge Freddy Abnousi, responsabile della ricerca sanitaria di Facebook.

Il servizio è stato messo a punto in collaborazione con diverse società scientifiche prestigiose, tra cui l’American Cancer Society, l’American College of Cardiology, l’American Heart Association e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Oltre ai promemoria, Preventive Health fornirà anche informazioni sui diversi tipi di esami più indicati per ciascun tipo di check-up, oltre che sulle strutture a cui è possibile rivolgersi per quella determinata prestazione anche se, come ricorda Facebook, prima di procedere sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico.

Dopo lo scandalo Cambridge Analytica è normale che ci sia grande diffidenza attorno alla società di Mark Zuckerberg, quando parla di raccogliere e gestire i dati degli utenti, tuttavia il colosso ha spiegato che Facebook non cederà i dati ad aziende terze, né li utilizzerà per profilazioni legate al marketing. Inoltre i dati potranno essere raccolti e il servizio attivato esclusivamente in modalità opt-in, ossia solo dopo che l’utente avrà dato il suo esplicito consenso.