e-Gov

Facebook silura una società specializzata in fake news politiche globali

Nuova iniziativa di Facebook contro le fake news: nella giornata di ieri sono stati cancellati dozzine di account di una società israeliana che si occupava della diffusione programmatica di fake news al fine di influenzare l’opinione pubblica e disturbare le elezioni in diverse parti del mondo. Secondo il direttore della divisione cybersicureza di Facebook, Nathaniel Gleicher, il colosso avrebbe chiuso 65 account, 161 pagine, dozzine di gruppi e quattro profili Instagram.

In realtà molte persone coinvolte hanno cercato di nascondere la propria identità, ma gli esperti di Facebook sono riusciti comunque a scoprire che molte di esse erano collegate a una società israeliana chiamata Archimedes Group, che si vanta pubblicamente delle proprie capacità nella gestione dei social media e della sua abilità nel “cambiare la realtà.

È una vera società di comunicazione, che trae profitto dalla diffusione di fake news” ha spiegato Graham Brookie, direttore del Digital Forensic Research Lab presso l’Atlantic Council, una think tank che collabora con Facebook nell’identificazione delle campagne di disinformazione.

L’attività sembra al momento piuttosto concentrata su alcuni Paesi dell’Africa subsahariana (Nigeria, Senegal, Togo, Angola, Niger e Tunisia), ma c’erano campagne in atto anche in alcune nazioni del sud-est asiatico e dell’America Latina‎. Le pagine producevano un flusso costante di bufale e potevano contare in tutto su quasi 3 milioni di iscritti.

Vista la varietà geografica delle zone in cui la società svolge le proprie operazioni “è impossibile determinare una specifica impostazione ideologica”, ha spiegato ancora Brookie. “Non spingevano unicamente posizioni di destra o anti-globaliste, semplicemente diffondevano notizie false dietro compenso economico”.

Dopo le recenti notizie sulle 23 pagine sospese, sull’inasprimento delle sanzioni contro chi diffonde contenuti terroristici e l’accordo sottoscritto ieri a Parigi assieme ad altri colossi dell’hi-tech sembra insomma che Facebook sia concretamente passata all’azione, nell’intento di rifarsi una reputazione, dopo l’anno turbolento seguito allo scandalo Cambridge Analytica. Basterà per salvare il social network dalle tentazioni di “spezzatino” e Zuckerberg dall’assalto degli azionisti dissidenti?