e-Gov

Facebook valuta di nascondere il numero di Like, rivoluzione o trucchetto psicologico?

Osservando il codice sorgente dell’app di Facebook per Android, l’analista Jane Manchun Wong ha scoperto che il colosso di Menlo Park starebbe testando una soluzione atta a nascondere il numero di Like ricevuto da un post, in maniera analoga a quanto sta accadendo su Instagram. La cosa è stata poi confermata dallo stesso social, che ha però spiegato come la sperimentazione non sia ancora pubblica. In realtà il numero resterebbe visibile al creatore del post, ma non agli altri utenti.

Spiegazione ufficiale: eliminando il numero di Like si eliminano assurde gare di gradimento tra utenti, incoraggiando anche quelli meno attivi a postare, sentendosi liberi di essere creativi, senza l’assillo dell’approvazione a tutti i costi. Per molte voci critiche però si tratta solo di un trucchetto psicologico che mira a eliminare i disagi degli utenti, salvando al contempo un modello di business discutibile.

Da quando è stato introdotto, nell’ormai lontano 2009, il Like su Facebook ha sempre fatto discutere. Per anni infatti il pollicione blu è stato visto come un meccanismo ottimistico per incentivare la condivisione, privando gli utenti di strumenti critici (il Dislike?) e al tempo stesso promuovendo un modello di business basato proprio sulla datificazione dei nostri gusti.

Stando a diversi studi, il Like, lungi dall’essere uno strumento “positivo”, è in realtà fonte di stress e invidia sociale da parte degli utenti, innescando comportamenti che spingono a non condividere tanto ciò che piace a noi o in cui crediamo ma ciò che può avere maggior successo, senza contare che in un certo senso il meccanismo del “mi piace” è in parte colpevole anche della diffusione di fake news, favorendo quel meccanismo di “echo chambers” per cui cerchie di persone che la pensano nella stessa maniera su un certo argomento alimentano le proprie autoconvinzioni in maniera acritica, condividendo tra loro materiali atti a confermare la propria visione del mondo.

Purtroppo su questo falso meccanismo del piacere nel marketing, Facebook (ma anche molti altri) hanno costruito un modello di business vincente, guarda caso quello che dallo scandalo Cambridge Analytica in poi è anche nell’occhio del ciclone: se il servizio è gratuito, il prodotto siamo noi. È ovvio dunque che, guardando le cose da questo punto di vista, nascondere il numero di Like senza scardinarne alla base il meccanismo è un po’ come nascondere la sporcizia sotto il tappeto, ma l’introduzione del Dislike non sarebbe certo la soluzione al problema.

Anche quello infatti non è che un trucchetto psicologico atto a farci sentire “più potenti” nell’esprimere dissenso su temi che non condividiamo, ma il meccanismo economico resterebbe sostanzialmente intatto: alla fine anch’esso infatti non farebbe che confermare agli inserzionisti il “successo” di certi argomenti in termini di diffusione, senza contare i danni che potrebbe fare, nel clima sempre più competitivo e avvelenato dei social. Insomma, che si decida di mostrare o meno l’indice di gradimento di un post, il tema vero resta quello del modello di business e non sarà certamente un pollicione a risolverlo.

Un libro critico sui social e la società contemporanea? La Dittatura Del Terzo Like di Alvise Cagnazzo