Telco

Fastweb: primo test a 500 Gbps su rete proprietaria

Fastweb ha completato con successo un test su rete in fibra che ha consentito di raggiungere i 500 Gigabit al secondo sfruttando una singola lunghezza d’onda. La sperimentazione del servizio di connettività è avvenuta sull’infrastruttura di rete Fastweb che collega Milano a Torino: si parla di 180 chilometri della rete di lunga distanza e a bassa latenza basati su piattaforma (configurabile) Groove di Infinera.

Nello specifico è stata impiegata l’architettura di trasporto ottica Multi-haul 7300, la piattaforma mTera Universal Switching e la tecnologia Groove 600G di Infinera che compongono parte della rete dorsale di Fastweb che copre oltre 650 nodi trasmissivi. Da rilevare che non è stato necessario inserire amplificatori speciali, adattamenti o modifiche all’hardware attualmente utilizzato. La prospettiva futura è di fornire ai clienti finali servizi alta velocità da 400 Gbps, 500 Gbps e fino a 600 Gbps.

“La soluzione di Infinera consente a Fastweb di scalare la capacità presso i punti di interscambio internet fino a 24 terabit al secondo, offrendo allo stesso tempo facilità di implementazione ed efficienza nell’investimento di rete”, puntualizza l’azienda.

Oltre alle prestazioni Fastweb sottolinea che questa è la dimostrazione di come si possa scalare in modo efficiente e con facilità per rispondere alle crescenti esigenze della clientela. Un’arma in più insomma per portare avanti il nuovo piano di sviluppo svelato pochi giorni fa.

“Poiché il mercato dei servizi di trasporto su lunga distanza ad alte prestazioni continua a crescere a un ritmo sempre più sostenuto, è necessario un approccio di rete scalabile e semplice per far fronte alla crescente domanda di banda”, ha dichiarato Andrea Lasagna, Chief Technology Officer di Fastweb. “Questa sperimentazione conferma le eccezionali prestazioni fornite dalla soluzione innovativa di Infinera, che ci consente di offrire ai nostri clienti la miglior esperienza possibile alla massima velocità di trasmissione”.