Tom's Hardware Italia
Fotografia

Funzioni speciali

Pagina 6: Funzioni speciali
Recensione – Test D3300. L’ultima reflex entry-level di Casa Nikon offre un sensore DX (APS-C) ad altissima risoluzione, grande compattezza e semplicità d’utilizzo per gli appassionati alle prime armi.

Funzioni speciali

Il modo GUIDA, introdotto per la prima volta con la Nikon D3100, si può considerare un menù con spiegazioni per guidare appunto l'utente nella scelta delle impostazioni più adatte alle immagini e ai video che vuole ottenere.

Basato su una grafica accattivante con icone che non sono semplici disegni, ma vere e proprie immagini, è organizzato in quattro categorie: Scatta, Visualizza/cancella, Ritocco, Impostazione.

All'interno di ogni categoria, una serie d'istruzioni aiutano il fotografo alle prime armi ad impostare la macchina, ma allo stesso tempo permettono di variarne i parametri. Attenzione però a un punto fondamentale: le modifiche apportate a tali parametri hanno effetto soltanto nel modo guida e non sono riflesse negli altri modi di ripresa.

Un'altra funzione ultimamente piuttosto gettonata è la possibilità di condividere le immagini (ma non i video) scattati sullo smartphone. Questa funzionalità è resa possibile nella D3300 tramite l'adattatore opzionale WU-1°, una dongle USB alimentata dalla fotocamera, che supporta la comunicazione bidirezionale fra la stessa e i dispositivi intelligenti che dispongono della Wireless Mobile Utility.

Nikon WU-1a inserito nella porta mini USB della fotocamera

È possibile utilizzare l'adattatore per trasferire foto direttamente su uno smartphone o su un tablet, per condividerle o liberare spazio sulla card di memoria, oppure controllare la fotocamera a distanza mediante il device stesso: non serve collegarlo a un hotspot Wi-Fi esterno.

Da ultimo, segnaliamo il menu di ritocco, per elaborare le foto già salvate sulla scheda di memoria. Offre una serie di possibilità molto utili, che vanno dalla riduzione effetto occhi rossi al ritaglio, dall'elaborazione RAW al controllo della distorsione prospettica. Insomma, è come avere una versione semplificata di Photoshop Elements direttamente in camera: