Streaming e Web Service

Genenta, la startup dell’anno secondo StartupItalia Open Summit 2019

Genenta è stata eletta startup dell’anno durante lo StartupItalia Open Summit – che si è tenuto ieri a Milano presso l’Università Bocconi. La giuria, composta da 100 rappresentanti del settore produttivo italiano e non solo, ha scelto Genenta fra le 10 finaliste; sul podio anche BrumBrum e Cortilia.

La quarta edizione dello StartupItalia Open Summit 2019 si è concluso con un successo senza precedenti: oltre 15 mila partecipanti, quasi 300 relatori tra fondatori e CEO di aziende italiane ed estere, mentor, atenei, incubatori, investitori, venture capitalist e più di 1000 startup.

“Siamo fieri di aver ospitato le eccellenze italiane che rappresentano il tessuto imprenditoriale più vivace, simbolo di un Paese che è in grado di creare nuovi modelli di business, nuovi posti di lavoro e sa intercettare sfide e opportunità del futuro”, ha commentato David Casalini, founder di StartupItalia. “La partecipazione record che abbiamo raggiunto quest’anno a #SIOS19 è il segno concreto di una reale volontà, da parte delle persone, delle aziende e delle istituzioni, di accelerare l’ecosistema dell’innovazione. Con 723 milioni di euro di investimenti (+38% rispetto al 2018) e con oltre 50 milioni di euro investiti direttamente in crowdfunding, l’obiettivo è ora diventare sempre più attraenti e competitivi a livello internazionale”.

Genenta Science è una società biotecnologica specializzata in terapie geniche da utilizzare nella lotta ai tumori. Nello specifico l’ingegnerizzazione delle cellule staminali del sangue per il trattamenti. La compagnia è nata a settembre 2014 da uno spin-off dell’Ospedale San Raffaele, grazie all’intuito di Pierluigi Paracchi (Ospedale San Raffaele di Milano), Luigi Naldini (Direttore di SR-TIGET, San Raffaele Telethon Institute for Gene Therapy) e Bernhard Gentner (ematologo e scienziato presso SR-TIGET). In questi anni chiuso round di investimento per complessivi 32 milioni di euro. Le risorse serviranno per portare avanti le sperimentazioni cliniche di due prodotti per la cura di altrettanti tumori: il mieloma multiplo e il glioblastoma.

Sul podio anche Brumbrum che è un sito e-commerce dedicato alle auto usate e a km 0 certificate. Consente l’acquisto online o il noleggio a lungo termine. Le auto selezionate sono controllate e testate da esperti e fotografate nel dettaglio, per una visualizzazione precisa del modello e per assicurare un acquisto sicuro al riparo da truffe.

Cortilia invece è una PMI innovativa che ha sviluppato un sito e-commerce che consegna a domicilio prodotti alimentari freschi. Dal 2012 a oggi ha aumentato progressivamente il suo raggio d’azione: si affida a piccoli agricoltori e artigiani e serve 500 comuni distribuiti tra Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna. Nel 2018 Cortilia ha consegnato i propri prodotti nelle case di oltre 20.000 famiglie italiane.

Le altre startup che hanno partecipato al round finale sono: Casavo, Cubbit, Depop, Philogen, Soldo, Uala e Viralize.