Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Google e Virgin Galactic: spazio, ultima frontiera

Gli investimenti spaziali di Google sembrano non conoscere sosta: secondo indiscrezioni il colosso di Internet sarebbe vicino a un accordo per entrare in joint venture con Virgin Galactic.

Google potrebbe essere in trattativa per una joint venture con Virgin Galactic, l'azienda specializzata in turismo spaziale di proprietà del magnate inglese Sir Richard Branson. L'indiscrezione arriva da fonti di Sky News e non ci sono conferme ufficiali da nessuna delle parti coinvolte, ma visto l'interesse e gli investimenti del colosso di Internet nelle tecnologie spaziali non ci sarebbe da stupirsi se tutto fosse confermato.

L'investimento a questo giro ammonterebbe a "centinaia di milioni" per una joint venture nelle attività spaziali, oltre a 30 milioni di dollari per una piccola partecipazione (1,5%) di Google nella holding di Virgin Galactic.

Google pronta ad allearsi con Virgin Galactic

Secondo lo scoop di Sky News le trattative con Virgin Galactic sarebbero parte dall'ambizioso progetto di Google di spedire nell'orbita bassa terrestre centinaia di satelliti, per estendere l'accesso a Internet a miliardi di persone.

I negoziati sarebbero in corso da mesi e secondo le fonti anonime ormai sarebbero in fase avanzata, con un alto potenziale di esito positivo, anche se i dettagli potrebbero cambiare. Per Virgin Galactic un accordo sarebbe il benvenuto dato che sta affrontando costosi problemi di sviluppo e ha bisogno di far partire quest'anno i voli spaziali, in modo da non restare indietro rispetto a concorrenti agguerriti come SpaceX di Elon Musk.

Sir Richard Branson festeggia

Si dice che celebrità come Ashton Kutcher e Katy Perry abbiano già versato 200.000 dollari per prenotare un posto sui voli inaugurali.

Google d'altro canto sta facendo forti investimenti per avviare il progetto di spedire in orbita satelliti capaci di fornire connettività a Internet, e le tecnologie di cui è in possesso Virgin Galactic potrebbero essere decisive.

Oltre tutto proprio ieri il colosso di Mountain View ha annunciato ufficialmente l'acquisizione di Skybox Imaging per 500 milioni, e ad aprile si accaparrò il produttore di droni Titan Aerospace.