e-Gov

Google: lenti a contatto hi-tech per aiutare chi ha il diabete

Google sta lavorando su lenti a contatto intelligenti. Google X, la divisione più avveniristica della casa di Mountain View, ha svelato un nuovo progetto che si rivolge al settore della medicina. Le lenti a contatto intelligenti non saranno infatti concorrenti dei Google Glass, bensì di aiuto a quelle persone che soffrono di diabete.

"Il diabete è un problema enorme e in crescita che colpisce una persona ogni 19", sottolinea Google tramite Brian Otis e Babak Parviz, i due ingegneri a capo del progetto. Oggi chi è affetto da diabete deve tenere sotto controllo il livello di glucosio nel sangue se non vuole morire, portandosi dietro apparecchiature per l'analisi del sangue e "pungendosi" regolarmente il dito. "Una nostra amica ci ha detto che è preoccupata per sua madre, che una volta è svenuta per via del basso livello di zucchero nel sangue ed è uscita di strada in auto".

Insomma, chi ha il diabete fa una vita scandita sempre dall'orologio, con il potenziale pericolo di causare problemi a sé stessi e agli altri. Così ecco la proposta di Google: monitorare i livelli di glucosio attraverso le lacrime, usando lenti a contatto hi-tech composte da un chip wireless e da un sensore miniaturizzati posti tra due strati di materiale soffice che si può applicare sull'occhio.

"Stiamo testando prototipi che possono generare una lettura al secondo. Stiamo anche verificando di poter usare la lente come un primo avvertimento per chi la indossa. Vorremmo integrare piccole luci LED che possano accendersi per indicare quando i livelli di glucosio sono sopra o sotto una determinata soglia".

Google sottolinea che la sua tecnologia sta muovendo i primi passi, "ma abbiamo diversi studi che stanno contribuendo a definire il prototipo. Speriamo un giorno che questo prodotto possa dare alle persone affette da diabete un nuovo modo di gestire la malattia". Google sta collaborando con la Food and Drug Administration, l'ente statunitense che regolamenta i prodotti alimentari e farmaceutici, ma c'è ancora molto lavoro da fare prima di portare sul mercato un prodotto come questo.

Gli strumenti di oggi per tenere sotto controllo il diabete

"Non abbiamo intenzione di fare tutto da soli: cerchiamo partner con esperienza che useranno la nostra tecnologia per creare una lente a contatto intelligente e sviluppare applicazioni che diano a pazienti e dottori accesso alle misurazioni", ha aggiunto Google. "Abbiamo sempre detto che saremmo andati alla ricerca di progetti un po' strani e in un momento in cui l'International Diabetes Federation dichiara che il mondo sta perdendo la battaglia contro il diabete, abbiamo pensato che questo progetto sia degno di essere portato avanti".