Spazio e Scienze

Google Maps mappa pianeti e lune, ma le cartine sono errate!

Casomai doveste progettare un viaggio nello Spazio, come fare per arrivare a destinazione senza perdervi? Elementare Watson: basta accendere il navigatore sullo smao questa sarebbe l'intenzione. Se poi arriverete davvero senza problemi alla destinazione desiderata è da vedere.

Il fatto è che una delle scoppiettanti idee di Google è stata quella di inserire 16 oggetti celesti fra lune e pianeti del Sistema Solare nel suo celebre navigatore Maps. Una novità annunciata in concomitanza con il ventesimo anniversario dal lancio della sonda spaziale Cassini-Huygens.

Leggi anche: La missione Cassini saluta il Signore degli Anelli

Se volete dare un'occhiata collegatevi alla pagina ufficiale e fatevi un giro fra Marte, Cerere, Europa e Venere, stando comodamente seduti sul divano. Come recita il comunicato, potrete esplorare le pianure ghiacciate di Encelado dove Cassini ha scoperto la presenza di acqua sotto alla crosta ghiacciata, volare sotto le spesse nubi di Titano per vedere i laghi di metano, ispezionare il cratere di Mimas, eccetera.

enceladus by google
Encelado

Però al momento c'è un problema: nelle mappe ci sono degli errori. La rinomata scienziata Emily Lakdawalla‏ e altri esponenti del mondo scientifico hanno infatti pubblicato una serie di tweet in cui mettono in evidenza diversi sbagli, tipo la Valles Marineris di Marte indicata nel punto sbagliato di Marte, e altri problemi che riguardano Ganimede, Mimas, Enecelado, Dione, Rhea, Europa, Titano.

Insomma un guazzabuglio spaziale che potrebbe portare gli internauti a ritrovarsi in una missione in stile Capricon One! La buona notizia è che i responsabili di Google hanno raccolto le critiche e ne stanno facendo tesoro, quindi dovrebbe bastarvi rimandare la partenza di qualche settimana per non correrere alcun rischio!

Cattura JPG
Marte

Tom's Consiglia

Se volete esplorare lo Spazio in tutta sicurezza leggete l'ottimo libro di Umberto Guidoni Dallo Sputnik allo Shuttle