e-Gov

Google regala 60 milioni di euro all’editoria francese

Google ha deciso di contribuire allo sviluppo digitale dei media francesi con 60 milioni di euro; andranno a finanziare il cosiddetto "Digital Publishing Innovation Fund". Venerdì il presidente esecutivo dell'azienda, Eric Schmidt, ha siglato un accordo con il presidente francese Francois Hollande che fondamentalmente prevede un aiuto economico per l'editoria che decide di puntare sul digitale. In secondo luogo sarà offerta agli editori la possibilità di incrementare i ricavi pubblicitari online grazie alla piattaforma tecnologica di Google.

Smith e Hollande

"Questo emozionante annuncio si basa sugli impegni assunti nel 2011 per aumentare il nostro investimento in Francia, tra cui il nostro Istituto di Cultura di Parigi per aiutare a preservare incredibili tesori culturali, come i Manoscritti del Mar Morto", ha pubblicato Schmidt sul blog ufficiale di Google.

"Questi accordi dimostrano che attraverso partnership aziendali e tecnologiche siamo in grado di contribuire a stimolare l'innovazione digitale a beneficio dei consumatori, dei nostri partner e del web in generale".

Al momento non è chiaro quanto questo accordo possa lisciare il pelo degli editori di quotidiani, che da tempo sono in guerra con Google per ottenere un compenso sull'indicizzazione e linking dei loro contenuti. In ogni caso la sensazione è che il colosso statunitense abbia deciso di giungere presto a un compromesso. La soluzione individuata in Belgio per un analogo problema (di condivisione dei ricavi online) potrebbe essere infatti replicata in ogni mercato europeo.

E poi ormai tutti hanno capito che le parole magiche sono "incrementare i ricavi pubblicitari": quando Google promette i toni si smorzano subito.