Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Hackerato il patronato INAS, online i dati di 37mila utenti

Di solito se la prendono con enti statali e partiti, ma questa volta gli hacktivist di LulzSecITA hanno messo nel mirino un bersaglio diverso: il sindacato CISL e, nel dettaglio, il suo servizio di patronato (quello che si occupa di dichiarazioni dei redditi) INAS. Nella loro comunicazione su Twitter, gli hacker non forniscono nessun dettaglio […]

Di solito se la prendono con enti statali e partiti, ma questa volta gli hacktivist di LulzSecITA hanno messo nel mirino un bersaglio diverso: il sindacato CISL e, nel dettaglio, il suo servizio di patronato (quello che si occupa di dichiarazioni dei redditi) INAS.

Nella loro comunicazione su Twitter, gli hacker non forniscono nessun dettaglio su come abbiano violato i sistemi dell’Istituto Nazionale Assistenza Sociale, ma si limitano a fornire il link per scaricare un database con tutti i dati di 37.500 utenti del servizio.

tweet lulzsec

Leggendo il loro messaggio, il dubbio è che gli hacktivist abbiano scambiato un servizio di un sindacato per un ente statale, visto che nel tweet parlano di “istituzione italiana” come se si trattasse di un organismo ufficiale.

Ora, però, le 37.500 vittime rischiano grosso. Tra i dati resi pubblici, infatti, ci sono quelli anagrafici, il numero di telefono l’email e le password usate per il servizio online che qualsiasi pirata può usare.

 Per approfondire il tema e saperne di più leggi l’articolo completo su Security Info, il sito Internet completamente dedicato alle news e agli approfondimenti sul tema della sicurezza informatica.