Tom's Hardware Italia
Sicurezza

I selfie stick sono sempre più odiati: anche Disney li bandisce dai suoi parchi a tema

La moda di farsi il selfie ovunque è da sempre piuttosto fastidiosa, ma adesso anche il colosso dei divertimenti ne ha abbastanza.

Disneyland, Disneyworld & co. sono adesso delle zone "selfie stick free". La direzione dei parchi Disney, infatti, ha deciso di emanare un divieto indirizzato a tutti i visitatori per tenere gli odiati bastoni fuori dalla portata di bambini e giostre.

Questa ondata di proibizionismo, però, non è scattata per una forma di esasperazione davanti a centinaia di persone che hanno come massima aspirazione quella di mettere a dura prova i servizi cloud di archiviazione, quanto dai problemi di sicurezza collegati al loro uso indiscriminato.

noStick
Quando una mania diventa pericolosa, è bene mettere dei paletti
un po' più stretti

Già da svariati mesi, infatti, ai visitatori era permesso usare gli stick mentre si aggiravano nel parco, ma non sulle varie attrazioni, dove è facile che sfuggano di mano e vadano a colpire qualcuno o danneggino le attrezzature del parco.

Ciononostante, la gente continuava a scattare imperterrita su ottovolanti e simili, finché un genio non ha ben pensato di estrarlo sul punto più alto dell'ottovolante più veloce di Disneyworld e perderlo.

Il rollercoaster è dovuto rimanere chiuso per un'ora perché i tecnici si arrampicassero sulla struttura e andassero a recuperare il bastone incastrato in una delle catene di trascinamento, mentre la direzione ha tirato le somme del tempo perso e ha deciso che ne aveva abbastanza.

Da martedì i visitatori non possono portare più all'interno dei parchi Disney americani alcun selfie stick, che verranno eventualmente requisiti al momento della perquisizione degli zaini, mentre dal primo di luglio lo stesso divieto verrà esteso anche ai parchi europeo e giapponese.

Vediamo quanto tempo passerà prima che venga beccato il primo visitatore che lo porterà all'interno smontato pur di non rinunciare al selfie "proibito".