Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

IBM Watson scova una malattia rara e salva una paziente

In Giappone IBM Watson ha identificato una rara forma di leucemia in una donna di 60 anni mettendo i medici sulla giusta strada.

Watson, l'intelligenza artificiale di IBM, ha salvato una vita. Dopo la vittoria a Jeopardy e mille altri usi di successo, probabilmente – anzi sicuramente – il nuovo traguardo raggiunto da Watson è il più grande tagliato dal progetto di IBM. È forse un assaggio di futuro? Lo speriamo.

Secondo i dottori dell'Università di Tokyo l'intelligenza artificiale è riuscita a diagnosticare una rara forma di leucemia in una donna di 60 anni. Nei mesi precedenti i medici avevano diagnosticato un tipo diverso di leucemia, la leucemia mieloide acuta, ma nessun trattamento si era rivelato efficace.

copertina

Il sistema di IBM ha impiegato 10 minuti per confrontare i cambiamenti genetici della paziente con un database di 20 milioni di pubblicazioni sulla ricerca sul cancro, offrendo una diagnosi accurata e suggerendo il corretto trattamento. Inoltre, sempre secondo i medici, Watson è stato in grado di identificare un'altra rara forma di leucemia in un secondo paziente.

L'ingresso di Watson e altri sistemi di AI negli ospedali a supporto del personale medico è nella natura delle cose. La rapidità con cui questi sistemi funzionano può essere di grande aiuto per curare in tempo utile i pazienti, laddove una diagnosi tardiva e inaccurata può ritardare o rendere impossibile la guarigione.

Certo, il cammino è lungo: Watson ha bisogno di molti dati per evolvere e migliorare. Secondo Satoru Miyano, professore coinvolto nella vicenda, l'abilità di Watson di fare una diagnosi corretta è la prova che l'IA ha il potenziale "per cambiare il mondo".