Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Il robot Pepper va in Pediatria all’ospedale di Padova

Un bambino ricoverato non ha bisogno solo di medicinali e medici, ma anche e soprattutto di un forte supporto emotivo che lo aiuti a superare la paura. Il robot Pepper è un buon candidato, e l'Ospedale di Padova ha intenzione di portare avanti la sperimentazione.

Si chiama Pepper, ed è un robot che può aiutare i bambini in ospedale. È alto un metro e venti, pesa 30 chili e le batterie gli conferiscono 12 ore di autonomia. Ha già fatto alcuni test e si sta lavorando per renderlo operativo presso il reparto di Pediatria dell'Ospedale di Padova, racconta ANSA.

Pepper è uno dei molti robot visti negli ultimi anni costruiti per interagire con gli esseri umani. Se finora però abbiamo visto concierge d'albergo e commessi, questo progetto punta chiaramente a un'area molto più delicata e potenzialmente anche più utile. Un progetto che, comunque, conta già su esperienze positive realizzate all'estero.

Robot Pepper

Grazie al suo software e ai sensori Pepper è in grado di comprendere le emozioni dei giovani pazienti: riderà con loro, o cercherà di consolarli se sono tristi. Ci sarà anche uno schermo touch, inserito nel petto, che permetterà ai bambini di interagire con il robot.

Questa sperimentazione è una novità assoluta in Italia ma in altri paesi è già una pratica nota – in Giappone per esempio ce ne sono 2.000, ed è presente anche in Belgio. In alcuni casi ha sostituito la più famosa pet terapy, il sostegno emotivo e terapeutico che sfrutta la compagnia di animali. Non sorprende quindi che si parli di robot terapy. Il vantaggio rispetto alle altre soluzioni è che Pepper si può sterilizzare e può quindi entrare anche in sala operatoria, accompagnando il bambino fino ai momenti più difficili.

L'Ospedale di Padova, dopo aver eseguito un test gratuito in collaborazione con una società specializzata, ha ora intenzione di comprare almeno un Pepper e inserirlo nella propria dotazione. Il costo del piccolo robot è di 14-15mila euro.

RTX2GKG4 Robots

Pepper è stato creato dalla società Softrobotics (già Aldebaran) e non è nato come strumento terapeutico. Finora infatti si è diffuso come oggetto domestico: nelle case gioca con i bambini, risponde a semplici domande, accoglie gli ospiti. In Italia è usato sulle navi da crociera Costa. Questa macchina quindi vanta già qualche anno di esperienza nelle relazioni con gli umani, e ha già avuto i suoi brutti momenti: nel 2015 SoftRobotics ha dovuto chiedere esplicitamente ai consumatori di non molestarlo sessualmente.

Softrobotics ha messo all'interno di Pepper una versione di Android, e collabora con Google nello sviluppo di un SDK specifico. Pepper si muove su ruote, ma ne esiste anche una versione "più umanoide" con le gambe.