Tom's Hardware Italia
e-Gov

In Italia si cercano programmatori ma poi si pagano poco

Il sondaggio ha suscitato la risposta di quasi 60.000 persone e dipinge un quadro particolareggiato riguardo a questa professione. Tecnologie usate, stipendi, sesso, priorità. Emerge anche che gli sviluppatori in Italia guadagnano meno dei loro colleghi all'estero.

C'è sempre molta richiesta di sviluppatori, e questa figura si può inserire in molti contesti a seconda delle sue competenze. È vero anche in Italia, dove però questo lavoro è tra i meno pagati in confronto ad altri paesi europei e nel mondo. Lo rivela, insieme ad altri sondaggi, il sondaggio annuale di Stack Overflow, che ha raccolto le risposte di oltre 56.000 sviluppatori nel mondo, 1.137 dei quali in Italia.

stack overflow survey definition

La maggior parte del lavoro è lo sviluppo Web, che occupa quasi il 30% degli intervistati. Seguono lo sviluppo del back-end, gli studenti, gli sviluppatori di app e poi tutte le altre categorie. Le attività più redditizie sono anche quelle meno rappresentate: sono gli analisti, gli esperti di Business Intelligenze e gli sviluppatori di Machine Learning. Pochi, molto esperti e ben pagati.

Per quanto si tratti di un'attività che esiste da diverso tempo, la comunità che ha risposto è composta da persone abbastanza giovani, con un'età media di 29,6 anni. I più anziani sono gli statunitensi con un'età media di 32 anni, vicina a quella italiana di 31,6 anni. I più giovani sono gli indiani, con un'età media di 25,5 anni. Nove su dieci sono uomini, e le poche donne si trovano più facilmente tra i designer, esperti di Machine Learning e Controllo Qualità. Fino ai 30 anni si rileva una parità tra salari, mentre all'aumentare dell'età gli uomini sono pagati più delle donne.

stack overflow survey tecnologie

Quasi il 70% degli sviluppatori che hanno risposto ha un impiego a tempo pieno, ma comunque il 63% di dice "aperto a nuove opportunità". In altre parole, chi ha un bravo sviluppatore in squadra farà meglio a impegnarsi per tenerselo. La motivazione principale per cambiare lavoro è ancora lo stipendio, ma contano molto anche l'equilibrio tra lavoro e vita privata, la cultura aziendale, i colleghi, la flessibilità degli orari, la possibilità di lavorare in remoto.

L'Italia è tra gli ultimi paesi per il salario medio, ma anche e soprattutto per il potere di acquisto reale (simpaticamente misurato in Big Mac all'anno). Un fenomeno particolarmente problematico, considerato quante possibilità ha un bravo sviluppatore all'estero: basta spostarsi in Spagna per stare un po' meglio, o Francia, Austria, Germania, Olanda. Gli sviluppatori meglio pagati sono in Sud Africa, paese seguito da Stati Uniti, Ucraina e Australia.

Alberto Magnani sul Sole 24 Ore aggiunge che nel nostro paese la figura dello sviluppatore è molto cercata, in particolare il software developer e il web developer, che sono i primi due tra i 50 professionisti più cercati sul portale Face4Job. 

Interessante il dato sulla formazione: il 70% circa si definisce un'autodidatta, e il 44% dice di aver imparato lavorando. Solo una minoranza, quindi, dà un valore rilevante alla formazione scolastica. Globalmente, il 13% degli intervistati dice di aver imparato esclusivamente da solo. Chi ha un titolo riconosciuto, però, mediamente guadagna di più.

stack overflow survey eta media

Le tecnologie più amate includono Rust, Swift (Apple), F#, Scala, Go e altre. La lista delle più odiate include invece Visual Basic, WordPress, Matlab, Sharepoint, SQLServer ed SQL, tra gli altri. F#, Dart, Cassandra, Spark, Hadoop sono invece tra quelle che generano guadagni maggiori. Gli ambienti di sviluppo più diffusi sono Notepad++, Visual Studio, Sublime Text e Vim.

La maggior parte degli sviluppatori del mondo lavora su OS X (26,2%) come singolo SO. Windows è invece diviso per versioni: Windows 7 è al 22,5%, Windows 10 al 20,8%, Windows 8 a 8,4%, ci sono anche XP e Vista. OS X è in crescita da qualche anno, e potrebbe diventare maggioritario nell'immediato futuro. Linux è al 21,7%, senza distinzioni tra le varie distribuzioni.

Il sondaggio tocca davvero molti argomenti diversi e nell'insieme rappresenta un valido strumento per farsi un'idea su questa professione, che è senz'altro tra le aspirazioni di molti lettori di Tom's Hardware. Chi è interessato può leggere tutte le risposte qui.