Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Spazio e Scienze

INRiM, la Scienza delle misure a sostegno della medicina

L'INRiM, Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, insieme all'Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna hanno collaborato al progetto di ricerca MIMAS (Procedures allowing medical-implant manufacturers to demonstrate compliance with MRI safety regulations) per comprendere i rischi legati alla risonanza magnetica sui pazienti portatori di protesi ortopediche, placche metalliche, pacemaker e altri dispositivi medici.

Il problema riguarda più persone di quelle che si potrebbe pensare: in tutta Europa infatti riguarda cinquanta milioni di persone, quasi il 10 per cento della popolazione. Si tratta di soluzioni mediche indispensabili, ma è  un'incognita quello che accade nel caso in cui si renda necessaria una risonanza magnetica: quali sono gli effetti collaterali, che rischi comportano i più intensi campi magnetici degli apparecchi di ultima generazione?

IOR risonanza JPG

Oggi le protesi sono già realizzate con materiali compatibili con la MRI e adeguate procedure di preparazione e scansione mettono al riparo da incidenti. Ma le apparecchiature di ultima generazione, che consentono di ottenere diagnosi più accurate grazie a un campo magnetico di intensità maggiore (tre tesla e oltre), riaprono il problema della sicurezza. Uno su tutti il fatto che in talune condizioni l'interazione tra materiali metallici dei dispositivi medicali impiantabili e i campi magnetici della MRI possono generare un aumento di temperatura. Il progetto MIMAS è proprio volto a tutelare l'incolumità dei pazienti, testando e certificando la compatibilità delle protesi con l'esposizione ai campi magnetici.

Per saperne di più su INRiM leggete: Viaggio nella macchina del tempo italiana

Al gruppo di ricerca hanno partecipato anche il consorzio gli istituti metrologici di Germania (PTB) e Regno Unito (NPL) e l'azienda svizzera Zurich MedTech AG, esperta nelle simulazioni numeriche dei campi elettromagnetici; il finanziamento è invece di EURAMET, l'associazione che riunisce e coordina gli istituti metrologici europei.

La ricerca è necessaria perché una valutazione scientifica e documentata dei rischi è complessa e costosa, e per questo è fuori dalla portata delle radiologie e dei singoli costruttori di sistemi protesici. Con il progetto MIMAS invece si potranno "individuare criteri di fabbricazione, procedure e protocolli aggiornati che permettano ai costruttori di realizzare prodotti sicuri, la cui compatibilità con le moderne MRI sia documentata e certificata", come ha spiegato Luca Zilberti, responsabile per INRiM del progetto e ricercatore nell'ambito della Metrologia per la Qualità della vita.

Si terranno simulazioni basate su modelli virtuali del corpo umano ed esperimenti in cui le protesi saranno sottoposte a una verifica del proprio comportamento in presenza di un campo magnetico intenso e variabile. I risultati consentiranno di sviluppare e usare "su vasta scala strumenti per la predizione dei possibili incrementi di temperatura nei sistemi protesici passivi, come le protesi d'anca e di ginocchio impiantati su pazienti sottoposti ad MRI", ha aggiunto Fabio Baruffaldi, responsabile del progetto per lo IOR.

 


Tom's Consiglia

Se state pensando di divertirvi con gli sport estremi proteggete il vostro smartphone con una cover rinforzata come questa di Mama Mouth