Voce alle aziende

Intelligenza artificiale e sicurezza: le nuove sfide del dopo Covid

Entrare in ascensore, attraversare le stanze di un grande edificio, utilizzare scale e tappeti mobili per muoversi all’interno di grandi centri commerciali o uffici pubblici. Eventi e azioni quotidiane “banali” e scontate fino a qualche mese fa, prima del lockdown imposto dall’emergenza Covid-19.

Adesso che la fase di chiusura è cessata e si va verso la ripartenza di tutte le attività, è necessario ripensare gli spazi urbani, i luoghi del lavoro e della socialità in un’ottica diversa: luoghi accessibili senza rischio di contagio e, dunque, “intelligenti”. È già in atto un cambiamento nel modo in cui si interagisce con gli ambienti quotidiani di vita e di lavoro, nelle città e all’interno degli edifici. Nella “nuova normalità” che stiamo vivendo, l’intelligenza artificiale viene in soccorso e, grazie ai servizi di connettività integrata, si può gestire la mobilità prevenendo i rischi di contagio e garantendo la sicurezza a 360 gradi.

Protagonista indiscusso della mobilità urbana, dentro e fuori dagli edifici, è l’ascensore che, in tempo di pandemia, è stato da più parti additato come uno dei principali luoghi “a rischio”. Problema non di poco conto, se si considera la necessità di impianti sicuri in luoghi come ospedali e strutture sanitarie, che hanno visto in questi mesi situazioni di forte criticità. Guasti improvvisi, interruzioni del servizio, pericoli per la sicurezza degli utenti sono rischi che le strutture di assistenza e cura non possono permettersi di correre. KONE, leader globale nel settore degli ascensori, delle scale e dei tappeti mobili, già da tempo ha messo in campo le soluzioni più innovative di connettività integrata, uniche sul mercato, avvalendosi dell’intelligenza artificiale di KONE 24/7 Connected Services™. In tempo di pandemia, la tecnologia “avveniristica” di KONE ha consentito di agire secondo un meccanismo di prevenzione e manutenzione predittiva, che ha evitato l’insorgere di problemi.

KONE 24/7 Connected Services™ rappresenta una vera rivoluzione nella manutenzione di ascensori, scale e tappeti mobili. I dispositivi di monitoraggio installati sugli impianti raccolgono i dati sull’operatività in un ciclo di check-up ininterrotto e costante: l’intelligenza artificiale della piattaforma IBM Watson li archivia e li analizza in tempo reale per prevedere anomalie ed evitare i fermi, attivando la manutenzione specifica con diversi livelli di urgenza.

Non sempre i primi segnali di malfunzionamento si percepiscono visibilmente, soprattutto se si tratta di componenti elettronici. Grazie al monitoraggio costante di KONE 24/7 Connected Services™, vengono registrati tutti i segnali premonitori che potrebbero causare un guasto. Accumulare dati significa anche accumulare esperienza: in tal modo  KONE 24/7 Connected Services™ acquisisce una visione completa e precisa dell’efficienza di un impianto, anticipando gli interventi necessari con accuratezza sempre maggiore. In una parola: fa manutenzione intelligente. Il sistema funziona su qualsiasi impianto e i vantaggi della manutenzione predittiva sono alla portata di tutti: proprietari, amministratori, facility manager e altre figure responsabili della mobilità in qualsiasi edificio abbia ascensori, scale e tappeti mobili, come condomini, edifici commerciali, alberghi, uffici, ospedali. E proprio alle strutture sanitarie, visto il ruolo cruciale che hanno svolto durante l’emergenza, KONE rivolge un’attenzione particolare, offrendo 6 mesi gratuiti di manutenzione predittiva.

In questi mesi è stato evidente l’impatto significativo che COVID-19 avrebbe avuto su tutti gli aspetti della vita nelle città. KONE non si è fatta trovare impreparata e, per tutta la durata dell’emergenza, i tecnici dell’assistenza hanno lavorato e monitorato la situazione. KONE 24/7 Connected Services™ ha fornito costantemente la diagnostica delle apparecchiature in tempo reale per prevenire problemi o interruzioni del servizio, soprattutto in contesti “sensibili” come gli ospedali.