Telco

Italiani su Internet a 4 Mbps, non male se fosse vero

Gli italiani si connettono a Internet a una velocità media di 4 Mbps, con picchi massimi che raggiungono i 16,2 Mbps. A svelarlo è il Rapporto sullo Stato di Internet relativo al terzo trimestre 2011 pubblicato da Akamai.

Il dato di per sé è confortante, se si pensa che la velocità di connessione media globale è di 2,7 Mbps, se non fosse per un paio di precisazioni. Rispetto al trimestre precedente la nostra media è scesa del 4,8%, e se confrontiamo il dato con quello del secondo trimestre 2011, l’Italia ha visto una diminuzione del 15% nell’adozione della banda larga ad alta velocità.

In Italia ci si connette a 4 Mbps

In ogni caso, il nostro Paese sta migliorando, considerato che a novembre secondo Akamai la nostra velocità di connessione era di 3 Mbps. Resta poi da vedere in quanti connazionali beneficiano di questa velocità, considerato che le lamentele sulla velocità della rete non mancano certo.

Akamai colloca pertanto l’Italia al 40mo posto della classifica mondiale per la connessione a banda larga, mentre in ambito europeo facciamo meglio solo di Francia e Turchia. La più alta velocità di connessione media a livello globale spetta come sempre alla Corea del Sud (16,7 Mbps), che detiene anche il record per il maggior picco medio di connessione (46,8 Mbps). In generale, l’adozione della banda larga ad alta velocità (superiore ai 5Mbps) è aumentata del 29%, e anche qui la Corea del Sud è arrivata a una diffusione pari al 79%.

Focalizzandoci invece sulla connettività mobile, secondo Akamai la velocità media globale va dai 6,1 Mbps a 327 kbps, con un picchi che variano dai 22,2 Mbps a 1,4 Mbps. Gli utenti di nove provider mobili hanno consumato in media più di un gigabyte di contenuti da Akamai al mese, mentre quelli di altri 75 provider hanno scaricato oltre 100 MB di contenuti mensili. 

Il grafico sulla velocità di connessione

Nella valutazione di questi risultati è da tenere in conto anche il dato raccolto da Ericsson, secondo cui il traffico di dati mobile raddoppia anno su anno, ed è in crescita del 18% rispetto al trimestre precedente.

In Italia esiste un divario di circa 2 Mbps tra il provider che offre la velocità di connessione mobile media maggiore (3,3 Mbps) e quello che offre la velocità media minore (1,3 Mbps). Le velocità di connessione massime offerte dagli operatori italiani vanno dai 8,4 Mbps ai 17,4 Mbps

Per avere un quadro più preciso della situazione in Italia bisogna chiamare in causa il rapporto Audiweb pubblicato oggi e aggiornato a dicembre 2011. Secondo Audiweb la diffusione complessiva della connessione a Internet nel nostro Paese è cresciuta del 6,9% rispetto allo stesso periodo del 2010, e ora sarebbero 35,8 milioni gli italiani tra gli 11 e i 74 anni che dichiarano di accedere a Internet.

La classifica  dei Paesi europei per velocità media di connessione

Cellulari, smartphone e tablet si stanno affermando come gli strumento di connessione più diffusi: gli italiani connessi via mobile sono 9,7 milioni, in crescita del 55,4% rispetto al 2010, di cui 949 mila dichiarano di accedere alla rete tramite tablet. La banda larga porta Internet nelle case di 9,130 milioni di famiglie italiane, di cui il 95,1% dispone di un abbonamento flat.

L’accesso attraverso le chiavette Internet è disponibile solo nel 25% dei casi e corrispondente a 3,4 milioni di famiglie italiane -in aumento del 13,2% rispetto alla rilevazione precedente.