Spazio e Scienze

La cometa ISON supera Marte e vola verso il Sole

La cometa ISON, che potrebbe essere visibile nei nostri cieli dalla fine di novembre, ha oltrepassato Marte e si sta dirigendo verso il Sole, a una velocità di circa 28mila chilometri orari. Gli astronomi avevano da tempo calcolato la sua rotta, quindi gli strumenti al lavoro sul Pianeta Rosso, fra cui il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA, hanno scrutato il cielo per avvistarla.

Al momento ISON ha una luminosità di magnitudine compresa fra 12 e 14: un valore relativamente basso che non permette ancora di apprezzarne la coda e la chioma come ci si aspetterebbe, ma entrambe dovrebbero diventare sempre più visibili man mano che l'oggetto celeste si avvicinerà al Sole.

ISON

Se dovesse vedersi dal nostro emisfero, ISON sarebbe la nostra prima cometa dalla primavera del 1997, quando Hale-Bopp fu visibile a lungo. Purtroppo non ci sono ancora certezze, perché il passaggio attorno al Sole potrebbe renderla più brillante e magnifica, o potrebbe distruggerla.

Il perché lo spieghiamo nell'articolo Cometa ISON, i segreti dello spettacolo che vorremmo per Natale che abbiamo realizzato in collaborazione con l'Osservatorio Astronomico G.V. Schiaparelli – Campo dei Fiori. Leggetelo e scoprirete da cosa sono formate ISON e le altre comete, da dove vengono, perché hanno la scia e perché ne vediamo così poche.