Tom's Hardware Italia
Sicurezza

La Commissione UE punta 2 mln di euro su Proton, storage svizzero cifrato

La Commissione UE ha deciso di investire 2 milioni di euro nella specialista svizzera Proton Technologies AG per lo sviluppo di nuovi servizi di cifratura.

La Commissione UE ha deciso di finanziare Proton Technologies AG con 2 milioni di euro per sviluppare nuovi servizi di cifratura. La specialista svizzera, nota soprattutto per ProtonMail e ProtonVPN, è sta inclusa nel programma Horizon 2020 per il suo impegno nello sviluppo di librerie di cifratura open source e l’ammodernamento degli standard esistenti.

Sebbene i server di Proton siano in Svizzera, e quindi al di fuori della UE, almeno il 40% della clientela e il 50% della forza lavoro sono comunitari. Il dettaglio chiave però è che proprio questa esternalità consente alla clientela di sottrarsi al “data mining” dei colossi statunitensi come ad esempio Google.

“Siamo lieti che la Commissione europea abbia riconosciuto la nostra eccellenza tecnica, il modello di business trasparente ed etico e l’importanza della nostra missione”, spiegano gli specialisti di Proton. “In un momento in cui molti governi stanno cercando di revocare le protezioni della privacy, a volte con la collusione di giganti tecnologici, siamo rincuorati dal fatto che l’UE stia seguendo l’impegno per la privacy stabilito dal GDPR e ora stia investendo denaro reale in tecnologia privacy per la prima volta”.

La Commissione UE ha deciso di puntare soprattutto su ProtonDrive, il servizio di storage cifrato della piattaforma, affinché possa diventare competitivo soprattutto in ottica globale.

“Disgregare un qualsiasi settore industriale e concorrere con i giganti è sempre una sfida. Ecco perché avere il sostegno della Commissione europea in questo sforzo è una grande vittoria per la comunità di Proton. Ora abbiamo la possibilità di costruire un Internet diverso e migliore, che metta al primo posto i diritti degli utenti e che cerchi di migliorare la vita di tutti, e non solo di pochi”, conclude la nota ufficiale dell’azienda.