Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

La NASA spende 1,16 miliardi per i motori a razzo che ci porteranno su Marte

L'agenzia spaziale statunitense ha sottoscritto un accordo da 1,16 miliardi di dollari per la fabbricazione dei motori a razzo che spingeranno la navicella Orion su Marte. Per risparmiare si sfrutterà l'eredità del programma Space Shuttle.

La NASA ha sottoscritto un contratto di 1,16 miliardi di dollari con l'azienda Aerojet Rocketdyne di Sacramento per la fabbricazione dei motori a razzo RS-25. Il prossimo Space Launch System (SLS), il vettore che potrebbe portare gli esseri umani su Marte nella capsula Orion, impiegherà quattro di questi motori.

Cattura JPG

La decisione fa parte della strategia della NASA di ridurre al minimo costi di sviluppo del vettore di lancio SLS. Gli RS-25 infatti fanno parte del patrimonio lasciato dal Programma Space Shuttle, e con le dovute modifiche potranno essere usati anche con SLS. Il nuovo razzo dovrà essere in grado di supportare temperature più fredde, una maggiore pressione e velocità rispetto a quelle a cui era sottoposto con lo Shuttle.

Leggi anche: Navicella Orion nello Spazio, iniziata una nuova era dell'esplorazione spaziale

Lo scorso anno la NASA aveva condotto con esito positivo una serie di test sulla versione aggiornata dell'RS-25 proprio per verificare che reggesse a condizioni più estreme. Al momento la NASA ha 16 motori che sono avanzati dalle missioni Shuttle, che sono stati aggiornati per l'SLS e verranno usati nelle prime quattro missioni, tra cui i primi due voli di prova noti come Exploration Mission-1 ed Exploration Mission-2.

ssc 2015 00690

In futuro l'agenzia spaziale statunitense avrà bisogno di altri motori perché gli SLS non saranno recuperati dopo ogni lancio, quindi bisognerà costruite un nuovo razzo per ogni volo e questo comporta la necessità di una fornitura costante di motori.

Il contratto aiuterà Aerojet a pagare le attrezzature e i materiali necessari per la fabbricazione dei motori e i dipendenti. Il finanziamento decorre da novembre 2015 e si protrarrà fino 30 settembre 2024.

Interessante il fatto che per i nuovi motori saranno impiegati un minor numero di componenti e di saldature rispetto al passato, e verranno messe in campo nuove tecniche di produzione fra cui la stampa 3D.

Il primo volo di prova di SLS è in programma per settembre 2018; nel 2020 dovrebbe portare un equipaggio nella capsula Orion in orbita lunare, e successivamente potrebbe concretizzarsi il viaggio umano alla volta di Marte.

Hasegawa HAS 10729 - Space Shuttle Orbiter with Boosters Hasegawa HAS 10729 – Space Shuttle Orbiter with Boosters
LEGO City Space Port 60080 - Base di Lancio LEGO City Space Port 60080 – Base di Lancio
Mathmos Telstar la lampada lava a forma di razzo Mathmos Telstar la lampada lava a forma di razzo