Spazio e Scienze

La sonda Voyager 2 è diretta verso lo spazio interstellare

La sonda Voyager 2 della NASA, lanciata nello Spazio nel 1977, si sta avvicinando ai confini del Sistema Solare. È quindi in viaggio verso lo spazio interstellare, come ha comunicato la NASA. L'annuncio si basa su due diversi strumenti di bordo, che alla fine di agosto hanno iniziato a registrare l'incremento del numero di raggi cosmici che colpiscono la navicella spaziale – e che provengono dallo spazio esterno al Sistema Solare. Un dato che i tecnici avevano già visto quando la Voyager 1 affrontò una situazione simile, pochi mesi prima di volare oltre i confini del Sistema Solare.

La Voyager 2 si trova attualmente a circa 17,7 miliardi di chilometri dalla Terra, o detto in altri termini, oltre 118 volte la distanza Terra – Sole. Nel 2007 ha iniziato a viaggiare attraverso lo strato più esterno dell'eliosfera, l'eliopausa, e una volta che ne sarà uscita diventerà il secondo oggetto creato dall'uomo a entrare nello spazio interstellare, dopo la Voyager 1.

Voyager 2 spazio interstellare
Voyager 2 verso lo spazio interstellare, illustrazione grafica. Crediti: NASA / JPL-Caltech

Come accennavamo, dalla fine di agosto lo strumento Cosmic Ray Subsystem nella Voyager 2 ha misurato un aumento pari a circa il 5% della quantità di raggi cosmici che colpivano il veicolo spaziale, rispetto all'inizio di agosto. Come precisa la NASA, tuttavia, l'aumento dei raggi cosmici non è il segnale definitivo del fatto che la sonda stia per attraversare l'eliopausa ed entrare nello spazio interstellare. La Voyager 2 infatti si trova in una posizione diversa nell'eliosfera rispetto a quella in cui era la Voyager 1 nel 2012 (le vedete indicate nell'immagine ufficiale della NASA riportata in questa notizia), quindi la Voyager 2 potrebbe avere tempi differenti di uscita dal Sistema Soleare rispetto alla Voyager 1.

In altre parole, il raffronto fra i dati della Voyager 1 e quelli della Voyager 2 non consente di stabilire che a breve la Voyager 2 entrerà a tutti gli effetti nello spazio interstellare. Ed Stone, fisico del Caltech e ricercatore del progetto Voyager, ha precisato che "stiamo assistendo a un cambiamento nell'ambiente attorno alla Voyager 2, non c'è dubbio al riguardo. Impareremo molto nei prossimi mesi, ma non sappiamo ancora quando arriveremo all'eliopausa, quello che posso dire con certezza è che non ne siamo ancora usciti".

Grafico con la posizione della Voyager1
Grafico con il percorso della Voyager 2. Crediti: NASA / JPL-Caltech, NASA / JPL-Caltech Photojournal

Uno dei motivi d'incertezza sui tempi è che l'eliopausa è una "bolla" che avvolge il nostro Sistema Solare, formata dalle particelle cariche che fluiscono costantemente dal nostro Sole. Questo vento solare tuttavia rifluisce e scorre nell'ambito del ciclo di 11 anni del Sole, il che significa che la bolla in questione si espande e si contrae, non è sempre della stessa dimensione.

Nel corso della sua missione la Voyager 2 ha sorvolato Urano e Nettuno, fatto numerose scoperte degne di nota e si è confermata uno dei maggiori successi dell'esplorazione spaziale robotizzata. Secondo i calcoli della NASA fra circa 40.000 anni questa sonda si troverà nei pressi di Ross 248 e in altri 296.000 anni coprirà la distanza che ci separa da Sirio, la stella più luminosa nel cielo della Terra.

Voyager Test Model Configuration
Voyager Test Model Configuration. Crediti: NASA / JPL-Caltech, NASA / JPL-Caltech Photojournal

Chissà se qualche forma di vita aliena avrà modo di ascoltare il Golden Record, il disco d'oro che contiene la storia della Terra e delle nostre civiltà, sotto forma di immagini, musiche, suoni e conoscenze scientifiche.


Tom's Consiglia

Volete saperne di più sul lavoro fatto dall'uomo per esplorare lo spazio? Leggete il bellissimo libro di Giovanni Bignami L'esplorazione dello spazio, nell'edizione Kindle cosa solo 5,99 euro.