Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

L’ascensore a consumo zero, basta un kit di ammodernamento

Thyssenkrupp ha presentato un kit per aggiornare gli ascensori e renderli a consumo zero grazie a un sistema di recupero energia e un pannello fotovoltaico.

Thyssenkrupp Elevator ha individuato un modo per tagliare del 10% i consumi energetici degli edifici: aggiornare gli ascensori. Nel dibattitto sulla massimizzazione del risparmio energetico il miglioramento delle infrastrutture esistenti ha sempre poco appeal, ma se si considera che il 40% dell'energia mondiale viene impiegato per gli edifici il tema si fa caldo.Il colosso tedesco ha presentato oggi all'Energy Efficiency Global Forum di Washington un kit di ammodernamento ascensori "applicabile su tutti i 12 milioni di impianti attivi a livello mondiale che trasportano ogni giorno 1 miliardo di persone".

thissen

In sintesi è un innovativo centro di controllo collegato a un sistema che permette di recuperare l'energia durante la frenata e a un pannello fotovoltaico poco piuÌ€ ampio della cabina, per azzerare totalmente il consumo dell'impianto.

Per altro migliora ulteriormente l'efficienza poiché mette l'ascensore in modalità standby o hibernate quando non è in uso – circa il 70% del tempo.

La fase di test è stata condotta da un ente terzo presso la sede del Fraunhofer USA Center for Sustainability Energy System, un edificio di oltre 100 anni nel cuore di Boston con l'obiettivo di trasformare l'edificio in un centro di riferimento per l'efficienza energetica.

"Thyssenkrupp ha installato questa soluzione all'interno del One World Trade Center a New York, dove gli ascensori rigenerano una quantità di energia necessaria ad alimentare l'intero sistema di illuminazione", spiega l'azienda.

ascensore

"I consumi degli ascensori sono spesso trascurati, ma sono in verità il centro della futura efficienza energetica delle nostre città. Siamo orgogliosi di rivelare oggi i nostri progressi nello sviluppo di un sistema che può aiutare a sviluppare una nuova visione e porre le basi per la prossima generazione di prodotti intelligenti, basati sul risparmio energetico", ha dichiarato Andreas Schierenbeck, CEO di Thyssenkrupp Elevator.

Da ricordare poi che la Direttiva 2010/31/UE sulla Prestazione Energetica in Edilizia prevede che entro il 31 dicembre 2018 gli edifici occupati da enti pubblici o di proprietà di questi ultimi devono raggiungere lo status NZEB, ovvero edificio ad altissima prestazione energetica e fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo.

"Il nostro Paese con il parco ascensori piuÌ€ vasto (un milione) ma anche piuÌ€ anziano in Europa (il 40% degli impianti in funzione ha piuÌ€ di 30 anni e oltre il 60% non eÌ€ dotato di tecnologie moderne) rappresenta un'importante opportunitàÌ€ per applicare questa tecnologia e ottenere un vero risparmio energetico", ha commentato Luigi Maggioni, amministratore delegato di Thyssenkrupp Elevator Italia

Thyssenkrupp Elevator Italia prevede entro tale data di installare oltre 900 kit per il risparmio energetico, contribuendo a ridurre i consumi dei vecchi impianti fino al 70%. Un obiettivo che sarà conseguito anche grazie al servizio di manutenzione predittiva MAX, in grado di collegare al Cloud tutti gli impianti e, attraverso un sofisticato algoritmo sviluppato in collaborazione con Microsoft, prevedere i guasti prima ancora che si verifichino.