Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

LightSail 2, la vela solare è un successo: è in orbita e comunica

La vela solare LightSail 2, lanciata pochi giorni fa, è regolarmente in orbita attorno alla Terra ed ha instaurato una comunicazione bidirezionale stabile col centro di controllo a terra.

Per il momento LightSail 2, il progetto sviluppato dalla Planetary Society, organizzazione globale no-profit dedicata all’esplorazione spaziale, è un successo. Il velivolo, lanciato a fine giugno dal Kennedy Space Center a bordo di uno Space X Falcon Heavy, è infatti entrato stabilmente in orbita terrestre, stabilendo anche una stabile comunicazione bidirezionale col centro di controllo a terra. La telemetria infine rileva un funzionamento normale di tutte le componenti.

Piccolo come un tostapane e pesante appena 5 chili, LightSail 2 è dotato di una vela solare di 32 mq, che spiegherà nei prossimi giorni proprio per avviare la sua navigazione solare. Lo scopo del progetto della Planetary Society infatti è proprio quello di testare la fattibilità di questo tipo di soluzione tecnologica, una soluzione perfetta almeno per quanto riguarda i viaggi all’interno del sistema solare, perchè consente di realizzare veicoli più leggeri in quanto completamente privi del carburante solido per l’alimentazione dei razzi.

Ma come funziona esattamente LightSail 2? Semplice, sfruttando la luce solare (e non il vento solare, che è un’altra cosa) come unica fonte di propulsione, come fanno sulla terra le barche a vela col vento. Le vele solari controllate infatti non sono che particolari specchi in grado di sfruttare la pressione di radiazione dei fotoni riflessi dalla loro superficie. Quanti più fotoni vengono riflessi tanto più il veicolo può accelerare. Le vele inoltre sono controllate in modo da cambiare orientamento rispetto al Sole, così da ottimizzare sempre lo sfruttamento della pressione.

Ora il centro di controllo terrestre impiegherà circa una settimana per controllare l’effettiva funzionalità delle fotocamere ospitate a bordo. In caso di riscontro positivo poi LightSail 2 spiegherà le sue vele e inizierà il suo viaggio di test verso uno dei possibili futuri dell’esplorazione spaziale.