Tom's Hardware Italia
Streaming e Web Service

Linkedin Live, un nuovo strumento per il live video streaming. Guru e influencer ne saranno felici

Linkedin Live sta per arrivare negli Stati Uniti con tutti gli strumenti per realizzare live video streaming. La prospettiva di impiego è legata a conferenze, presentazione prodotti, sessioni di domande e risposte, etc.

Linkedin Live è una nuova funzione del noto social network professionale che consentirà a utenti o aziende di effettuare trasmissioni live video. Si tratta di una novità ancora in beta che sarà attivabile su invito e solo negli Stati Uniti, ma la prospettiva della versione finale è scontata: fornire un nuovo strumento per agevolare l’engagement, la formazione, l’informazione e l’approfondimento.

Come spiega Techcrunch, a breve alcuni utenti verranno contattati per partecipare. Live verrà impiegato probabilmente per seguire conferenze, favorire l’annuncio di prodotti, rispondere a domande, diffondere il verbo di influencer, etc. Almeno in questa prima fase l’obiettivo è di arricchire l’offerta con contenuti di qualità; prova ne sia che sono già stati coinvolti specialisti come Wirecast, Switcher Studio, Wowza Media Systems, Socialive e Brandlive.

Il partner di riferimento per il progetto è comunque Microsoft con i servizi media di Azure. In pratica tutta la parte tecnica legata all’encoding sarà gestita dalla sua holding – l’acquisizione risale a giugno 2016.

I video adesso sono il formato in maggiore crescita sulla nostra piattaforma, e quello che più facilmente fa parlare la gente”, ha spiegato Pete Davies, il direttore gestione prodotto di Linkedin. “Live è stata la funzione più richiesta”. E come sarà quindi questa nuova funzione? Davies per ora non si è sbottonato molto ma ha assicurato che sarà possibile lasciare “like”, gli utenti potranno fare domande o dare suggerimenti in tempo reale, gli host potranno moderare, etc.

Per quanto riguarda il modello di business non è escluso che possano essere abilitate campagne oppure che l’accesso ad alcuni contenuti diventi a pagamento. “Questo avverrà nel tempo, ma per ora siamo concentrati su fantastici esempi di impiego”, ha sottolineato Peter Roybal, responsabile video. “Questo potrebbe essere anche un modo per sperimentare nuove idee”.