Telco

L’Italia se si connette a Internet viaggia a 3 Mbps

In Italia la velocità di connessione media è pari a 3 Mbps. La più recente misurazione di Akamai mostra che gli internauti italiani hanno a disposizione una banda larga superiore a quella resto del mondo. L’Italia infatti si colloca tra i primi 25 paesi al mondo, anche se i nostri risultati impallidiscono di fronte a 16,6 Mbps medi della Corea del Sud.

Il nostro test sulla velocità dell’ADSL

La classifica indica la velocità media di connessione per paese. Il dato tiene quindi in considerazione sia le connessioni più veloci (i contratti disponibili al pubblico in Italia arrivano a 20 Mbps), sia quelle più lente, cioè le ormai storiche 56 Kbps. Considerando tutto il mondo – circa 1,8 miliardi di utenti – la velocità media è pari a 1,8 Mbps. In fondo alla classifica dei primi 50 paesi al mondo troviamo l’Iran, con 0,41 Mbps.

Velocità media – Clicca per ingrandire

Il 60% degli utenti mondiali ha una velocità media disponibile superiore ai 2 Mbps, sufficienti a visualizzare discretamente gran parte dei siti web moderni. Per ottenere il massimo delle prestazioni tuttavia ci vogliono almeno 5 Mbps, accessibili solo al 20% della popolazione mondiale.

Distribuzione della banda, media globale

Se si guarda alla distribuzione la situazione dell’Italia sembra ancora una volta in linea con quella globale. Solo una minima parte della popolazione “viaggia” a meno di 256 kbps. Il 20% circa di noi non supera i 2 Mbps, mentre la maggior parte ha accesso a una discreta connessione tra i 2 e i 5 Mbps. Solo una piccola elite, invece, può contare su connessioni migliori. 

Distribuzione della banda per paese – Clicca per ingrandire

Questi dati dipingono quindi un quadro dell’Italia che non delude, anche se certo non possiamo dire che sia lusinghiero. Prima di noi ci sono almeno otto paesi europei, il primo dei quali è la Romania, che con una media di 6,8 Mbps è anche il quarto paese al mondo.

Milioni di utenti Internet in Europa, giugno 2010

Se questi dati s’incrociano con quelli della penetrazione della Rete (la percentuale di abitanti che usa Internet), il quadro tuttavia peggiora per l’Italia, anche se non di molto. In Italia ci sono circa 30 milioni di utenti, per un tasso di penetrazione appena superiore al 51%. Questo fa del nostro paese il sesto in Europa, per quanto riguarda questo parametro, o il terzo se si considerano solo i paesi membri dell’UE (Escludendo cioè Russia, Regno Unito e Turchia). Le restanti Francia e Germania hanno rispettivamente una velocità media di connessione pari a 3,36 e 4.14 Mbps, ma una percentuale più alta di utenti che hanno accesso alle connessioni più veloci.

Tasso di penetrazione Internet in Europa e nel mondo

Akamai sostiene che questi dati riflettono la reale banda disponibile nei vari paesi. L’azienda si occupa di fornire ai propri clienti infrastruttura (server e software) per la distribuzione di contenuti, ed è presente in tutto il mondo. Si possono quindi considerare attendibili, ma se volete una verifica più precisa potete usare il nostro test dedicato, anche in versione mobile.