e-Gov

Lunascape, il browser all-in-one

Un nuovo browser, Lunascape, integra tutti i tre più importanti motori di rendering, Gecko, Trident e WebKit. La compagnia, di Tokyo, offre gratuitamente l'attuale versione alpha, Lunascape 5, che è anche la prima in inglese.

Lunascape è un'alternativa più che interessante per chi usa più di un browser, per aggirare i problemi di visualizzazione di alcune pagine, che, per esempio, funzionano a dovere solo con Internet Explorer.

Lunascape permette all'utente di passare da un motore di rendering all'altro tramite un click destro, oppure con un pulsante dedicato, sulla sinistra dello schermo. Se sapete che una certa pagine funziona meglio con un determinato motore, basta selezionarlo. Si può anche impostare il browser per passare automaticamente al motore migliore per ogni pagina, così da non dover ripetere l'operazione per le visite successive alla prima.

La versione attuale, ben lontana dall'essere definitiva, ha ancora alcuni difetti, ma è piuttosto stabile. Si dirige essenzialmente ad appassionati e sviluppatori, ma è completa di tutte le funzioni più importanti: supporta RSS e podcast, navigazione a schede e protezione delle stesse, riconosce i movimenti del mouse per facilitare la navigazione, è dotato di una libreria dedicata per i plug-in, al momento disponibili solo in giapponese, di diverse skin, e può salvare i dati personali (password e testi inseriti nei form). È anche possibile agire su diverse impostazioni per personalizzarlo.

Secondo l'azienda Lunascape è il browser più veloce del mondo (almeno con il SunSpider Javascript Benchmark), anche se, usando Gecko, chi l'ha provato non ha notato differenze sostanziali, rispetto a Firefox.

Il browser, per ora, non è ancora in grado di decidere autonomamente quale motore usare per ogni pagina, ma è probabile che questa funzione farà la sua comparsa nelle versioni future. La versione beta dovrebbe fare la sua comparsa "molto presto".

La versione giapponese è stata scaricata 10 milioni di volte dal 2004, anno di fondazione della compagnia, e al momento punta al 5% del mercato globale.