Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Microsoft ci mette al sicuro con l’autenticazione in due step

Anche Microsoft porta ai propri utenti l'autenticazione in due passaggi. Chi lo vorrà potrà quindi rendere più sicure le informazioni personali custodite dall'azienda, usando lo smartphone per l'accesso sicuro.

Microsoft ha cominciato ad attivare l'autenticazione in due passaggi per i suoi 700 milioni di utenti. Dalle prossime ore chi ha un account MS potrà decidere di proteggerlo tramite un codice di sicurezza da ricevere sul cellulare, in forma di SMS o con un'applicazione dedicata.

Con questo metodo non basta più introdurre nome utente e password per accedere al servizio, ma è necessario anche il codice unico ottenuto tramite lo smartphone. Lo usano già anche Google, Dropbox ed Appleche lo ha aggiunto di recente, per il momento solo agli account statunitensi.

Il sistema sarà compatibile con tutti i prodotti Microsoft: Windows 8, Windows RT, Office, Windows Phone, Xbox 360 e altro. Per quelli con cui non si può usare codice creato dal telefono, Microsoft permette di creare password specifiche da inserire manualmente come già fa Google.

Chi usa Windows Phone, poi, potrà installare sul proprio smartphone l'applicazione di autenticazione creata appositamente da Microsoft. La sua funzione è la stessa di, per esempio, Google Authenticator: vale a dire creare il codice da inserire senza bisogno di ricevere il messaggio dal fornitore del servizio. Come quella di Google, poi, anche l'applicazione MS è compatibile con altri servizi di autenticazione in due step, come quello della stessa Google o di Dropbox. L'applicazione funziona anche se lo smartphone non ha accesso a Internet.

L'aggiornamento raggiungerà tutti gli account Microsoft nei prossimi giorni, e per attivarlo è sufficiente acceder alla gestione dell'account. Come spiegato dall'annuncio ufficiale, è una misura di sicurezza aggiuntiva e opzionale, ma consigliamo a tutti di attivarla.

Vale la pena ricordare infine che è buona abitudine anche impostare un metodo per recuperare l'accesso all'account nel caso si smarrisca la password, inserendo un numero di telefono e la domanda segreta. Se tutti i dati vanno persi, infatti, Microsoft non può farci nulla e si perderà per sempre l'accesso.