e-Gov

Mini computer da montare trasforma i bambini in hacker

Siamo nel 2014 e ormai parecchi "nerd di un tempo" sono padri di famiglia. Per molti di loro sarebbe piacevole costruire un computer insieme ai figli, un'attività divertente e dal grande potenziale formativo – soprattutto se ci fosse una macchina semplice da assemblare e potenzialmente adatta tanto al gioco quanto all'apprendimento.

Kano (kano.me) è tutto questo, vale a dire un computer basato su Raspberry Pi con un processore ARM che arriva in kit di montaggio. Una bambina di otto anni può montarlo insieme a un genitore in un'ora o poco più, e già questa esperienza è più che interessante. Senza andare troppo lontani, per esempio, chi scrive riempirebbe più che volentieri una domenica pomeriggio con quest'oggetto – per quanto il figlio più piccolo farebbe di tutto per boicottare il programma.

Una volta assemblato il Kano va collegato a un televisore o uno schermo tramite HDMI, dopodiché dà accesso ad alcune applicazioni preinstallate. Ci si può giocare, anche a Minecraft, il che renderà Kano molto più interessante per i più giovani.

Questo piccolo computer tuttavia è anche, potenzialmente, un potente strumento per insegnare ai bambini le basi della programmazione e delle strutture hardware. Separatamente si può scaricare l'ultima versione del sistema operativo, da installare su scheda SD, e il manuale d'istruzioni – studiato per piacere ai più piccoli.

A conti fatti è un pacchetto più che interessante: per 150 euro avremo tra le mani un oggetto che ci permetterà di passare piacevolmente il tempo con i nostri figli, e allo stesso tempo daremo loro uno strumento per arricchire la loro formazione divertendosi. Ciliegina sulla torta, il design è fantastico, dalla scatola ai componenti.