Telco

Misura Internet Mobile in Italia: ecco tutti i dati

I servizi Internet mobili italiani sembrano davvero aver salvato l'Italia dal digital divide. L'AGCOM ha pubblicato i risultati della prima campagna Misura Internet Mobile 2013. In pratica un veicolo è stato attrezzato con PC e connect card UMTS/HSDPA (Huawei K4605 e Huawei E372), con soglia massima di riferimento pari a un uplink di 42,2 Mbps e downlink di 5,76 Mbps.

Ha percorso quasi 6000 km sul territorio italiano nell’arco di quattro mesi effettuando circa 500 mila singoli test nei 20 capoluoghi più popolosi di regione. Come strumento di misura è stato usato SwissQual Diversity Benchmarker; la test suite durava circa 20 minuti.

Prestazioni Media

L'obiettivo era quello di scoprire le reali prestazioni delle reti degli operatori mobili H3G, Telecom Italia, Vodafone e Wind, in relazione ai servizi di trasmissione dati.

Ebbene, i risultati complessivi sono stati positivi. La velocità media di scaricamento di un file è stata di 6,3 Megabit al secondo, mentre quella di caricamento di 1,6 Megabit al secondo. Da rilevare poi che il tempo medio di navigazione in Internet, per visualizzare una pagina di dimensioni di circa 800 Kbyte, è stato di 3,6 secondi.

###old2588###old

Le USIM usate per le rilevazioni facevano riferimento ai contratti: 3 B.Unlimited, TIM Tutto Internet 42.2, Vodafone Internet Fly e Wind Mega Unlimited. Le tabelle realizzate sono di facile consultazione e confermano che la qualità dei servizi cambia da città a città. Affermare che un tale operatore è scadente rispetto a un altro, in senso assoluto, è a dir poco superficiale.

In linea di massima Wind offre prestazioni velocistiche mediamente inferiori agli altri. Vodafone e TIM si contengono la leadership, tranne che a Genova, dove primeggia 3 Italia. Da rilevare però che Vodafone e TIM hanno procedure di prioritarizzazione del traffico dati.