Tom's Hardware Italia
Telco

Modem 5G Qualcomm Snapdragon X50, download fino a 5 Gbps!

Qualcomm ha presentato il modem 5G Snapdragon X50 e ha annunciato una partnership per rendere realtà il Gigabit LTE.

Si chiama Snapdragon X50 il primo modem 5G di Qualcomm. I primi sample saranno realizzati nella seconda metà del 2017, ma la disponibilità nei prodotti commerciali è attesa per la prima parte del 2018. L'azienda sfrutterà il palcoscenico delle Olimpiadi Invernali 2018 che si terranno in Corea del Sud come banco di prova per la tecnologia 5G.

qualcomm modem snapdragon x50 5g 02

Progettato per lavorare inizialmente solo nello spettro a "onde millimetriche" (mmWave) nella banda a 28 GHz, il modem consente la carrier aggregation 8 x 100 MHz, dando accesso a uno spettro a 800 MHz rispetto agli 80 MHz (4 x 20 MHz) del modem LTE Snapdragon X16. Tutto questo bandwidth extra garantisce una velocità teorica di download fino a 5 Gbps.

qualcomm modem snapdragon x50 5g 02
Clicca per ingrandire

L'uso di lunghezze d'onda elevate ha un lato negativo, ossia la loro limitata penetrazione e copertura. Qualcomm ha intenzione di mitigare questi problemi usando molte piccole antenne Multiple-Input Multiple-Output (MIMO) e tecnologie adaptive beamforming e beam tracking, avvalendosi essenzialmente del rimbalzo del segnale sulle superfici per aumentare la copertura e aggirare angoli e ostacoli. Secondo Qualcomm, grazie alle dimensioni minori, è possibile usare un insieme di 16, 24 o 32 antenne 5G al posto di un'antenna 4G.

Il nuovo modem 5G di Qualcomm sarà accoppiato a due nuovi ricetrasmettitori a onda millimetrica SDR051 e un chip di gestione energetica PMX50 per supportare soluzioni di connettività wireless fisse o i futuri dispositivi mobile.

Leggi anche: TIM CloudRAN a Palermo, la transizione 5G parte da qui

Poiché supporta solo frequenze in onda millimetrica, il modem deve essere accoppiato a un chip LTE aggiuntivo per garantire voce e upload dati, oltre che consentire il passaggio senza intoppi tra reti 4G e 5G a seconda della copertura. In poche parole questo modem non è integrato in un chip Qualcomm, ma è separato. I primi terminali 5G potrebbero quindi avere due modem per la connettività.

L'obiettivo finale di Qualcomm per i prossimi anni è quello di integrare il modem 5G direttamente nei processori Snapdragon e consentire un passaggio naturale tra le varie tecnologie di rete. Prima di arrivare a quel traguardo però c'è molta strada da fare nel percorso che renderà le reti 5G le soluzioni di riferimento.

Per questo l'azienda statunitense guarda a un più immediato futuro fatto di dispositivi Gigabit LTE. Un futuro che Qualcomm punta a concretizzare con l'aiuto di Netgear, Telstra e Ericsson, aziende con le quali lavorerà per portare sul mercato le reti e i primi dispositivi Gigabit LTE. Come fa intuire il nome, si tratta di una versione del 4G che supporta velocità teoriche fino a 1 Gbps.

Leggi anche: Ericsson, test 5G all'aperto con 15 Gbps per utente

Telstra, operatore di telecomunicazioni australiano, sta realizzando e testando la prima rete Gigabit LTE avvalendosi di tecnologia e software Ericsson. Il debutto commerciale dell'offerta è atteso entro pochi mesi: i clienti di Telstra riceveranno un Mobile Router MR1100 di Netgear, capace di funzionare sia come endpoint Gigabit LTE che come router Wi-Fi.

Il prodotto assicurerà velocità di download fino a 1 Gbps tramite la combinazione di 3x carrier aggregation, tecnologia MIMO (4×4 MIMO su due portanti più 2×2 MIMO sulla terza) e modulazione 256-QAM. Il tutto sarà possibile grazie a un chip Qualcomm Wi-Fi e un modem Snapdragon X16 LTE abbinato a un ricetrasmettitore RF Qualcomm WTR5975.

Il modem Snapdragon X16 è prodotto con processo a 14 nanometri FinFET. Garantisce velocità di download teoriche fino a 1 Gbps (LTE Category 16), un valore decisamente superiore ai 600 Mbps teorici del modem Snapdragon X12 LTE integrato nel SoC Snapdragon 821. La velocità di upload è invece limitata a 150 Mbps.

Qualcomm Snapdragon

Questo, almeno, sulla carta. Secondo Sherif Hanna di Qualcomm i test in ambienti reali simulati hanno restituito una velocità medie tra 112 e 307 Mbps, con picchi di 533 Mbps. Valori più bassi rispetto al Gigabit promesso, ma decisamente più alti di quanto raggiunto dalla maggior parte dei dispositivi odierni.

Il modem LTE X16 sarà integrato anche in un futuro SoC Snapdragon che l'azienda non ha voluto nominare, ma tutte le indiscrezioni puntano allo Snapdragon 830. In ogni caso questo modem sarà a bordo degli smartphone di punta del 2017.

Huawei Honor 8 Huawei Honor 8
vmall

Huawei Honor 8 Huawei Honor 8
ePRICE

Huawei Honor 8 Huawei Honor 8