Telco

#ModemLibero, ecco perché potremmo pagare come oggi

Gli operatori probabilmente hanno già individuato il modo per scongiurare perdite nel caso dovesse essere approntata la norma sul #ModemLibero.

Qualche giorno fa SosTariffe.it stimava potenziali risparmi del 50%  sulla spesa attuale e non quelle "creative" future che contraddistinguono i protagonisti del settore. Difficile fare previsioni, ma ad esempio Tiscali sembra già aver individuato un escamotage "geniale" e c'è da credere che molti seguiranno il suo esempio.

Tabella Modem Libero costi e risparmi SosTariffe it

Com'è risaputo l'operatore con sede a Cagliari è protagonista di un rilancio nazionale in grande scala sul fronte ultra-broadband. La sua nuova pagina Web dedicata alla copertura evidenzia anche i fornitori infrastrutturali.

Un bel gesto di trasparenza nei confronti dei clienti. E così si scopre che l'FTTH, quindi i servizi 1 Gbps basati su rete Open Fiber sono disponibili a Cagliari, Perugia, Milano, Torino e Bologna.

tiscali
Copertura Tiscali

Mentre quelli su rete FTTH di TIM (sempre a 1 Gbps) sono attivabili a Battipaglia, Bergamo, Bologna, Brescia, Castellammare Di Stabia, Catania, Crispano, Ercolano, Firenze, Genova, Grumo Nevano, Messina, Milano, Modena, Monza, Napoli, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Padova, Pagani, Palermo, Parma, Pero, Perugia, Pescara, Pomigliano D'arco, Pontecagnano Faiano, Portici, Prato, Reggio Di Calabria, Reggio Nell'emilia, Roma, Salerno, San Giuseppe Vesuviano, San Lazzaro Di Savena, San Sebastiano Al Vesuvio, Scafati, Torino, Trecase, Trento, Trieste, Venezia, Verona.

Infine i suoi servizi ultra-broadband a 100 Mbps basati su FTTC (fiber-to-the-cabinet) su rete TIM sono attivi a Adrano, Alessandria, Alghero, Ancona, Andria, Angri, Aprilia e decine di altre città.

"Nei prossimi mesi la copertura sarà gradualmente estesa alle seguenti città e località: Acireale, Assemini, Capoterra, Decimomannu, Dolianova, Elmas, Guspini, Monserrato, Paternò Libertà, San Gavino Monreale, San Sperate, Serramanna, Sorso, Terralba, Villacidro", sottolinea la nota di Tiscali.

Costi disattivazione
Costi disattivazione

Le tariffe sono declinate in Ultrafibra Giga (1 Gbps) e Ultrafibra Facile (100 Mbps). La prima è contraddistinta da un prezzo di 19,95 euro al mese, a cui aggiungere 5 euro per 48 mesi come costo di attivazione; quindi complessivamente 24,95 euro.

Leggi anche: #Modem libero, l'AGCOM si sveglia e va in consultazione

Il router è incluso gratuitamente (in comodato). Non mancano poi chiamate illimitate verso fissi e cellulari nazionali, nonché 60 minuti al mese verso fissi internazionali.

Ultrafibra Facile prevede sempre un esborso mensile di 19,95 euro a cui aggiungere l'attivazione di 5 euro per 28 mesi, e quindi complessivi 24,95 euro. Anche in questo caso router gratuito, chiamate illimitate verso fissi e cellulari nazionali, e 60 minuti al mese verso fissi internazionali.

L'escamotage

Sebbene Tiscali si sia sempre distinta in trasparenza bisogna rilevare una piccola criticità nei cosiddetti costi di attivazione spalmati in 48 mesi. L'operatore sottolinea che non vi sono vincoli temporali per il contratto, a patto di riconoscere costi di disattivazione che variano da servizio a servizio e che si proceda alla restituzione del router.

Implicitamente si tratta del miglior escamotage per far fronte al rischio che venga approvata la norma sul modem libero. Domani gli operatori di fatto potrebbero semplicemente definire dei costi di attivazione a lungo termine e ridurre al minimo quindi l'impatto dei mancati introiti generati dal mancato pagamento del router.

Ad esempio Tiscali fa pagare ben 240 euro complessivi in 4 anni. Ipotizzando che il router possa costare un centinaio di euro e che l'attivazione a prezzo pieno sia analoga, ecco il senso di questa cifra.

Oggi abbiamo la certezza che sul fronte costi probabilmente non cambierà nulla.