e-Gov

Museo Nazionale Automobile: tour virtuale su Google Maps

Il Museo Nazionale dell'Automobile ''Avv. Giovanni Agnelli'' di Torino è sbarcato su Google Maps con il virtual tour. Purtroppo non è ancora visitabile nella sua interezza ma offre un assaggio delle sale per invogliare i visitatori.

La funzionalità "multifloor" consente di accedere a tre livelli del museo. "Grazie a colori, vivacità e qualità fotografica molto alta si entra con 3 punti di ripresa panoramica anche negli abitacoli di tre tra le più prestigiose vetture esposte al museo", sottolinea la nota ufficiale.

Museo Nazionale dell'Automobile ''Avv. Giovanni Agnelli'' di Torino

Le foto a 360° sono state realizzate dal fotografo certificato Google Luca Marchesi. L'idea è di proporre virtual tour con alte potenzialità virali, studiati da un team creativo che inserirà nelle visite panoramiche elementi a sorpresa e colpi di scena. "Luca Marchesi, fotografo da tempo specializzato in siti web e fotografia panoramica, nel giro di questi pochi mesi ha già portato sulla piattaforma Google eccellenti visite panoramiche", prosegue la nota.

Effettivamente la visita virtuale è divertente e la qualità delle foto è altissima. In pochi click si passa dalle auto d'epoca a quelle sportive. Notevole l'ampia collezione di storiche Ferrari.  

Da rilevare infine che il Museo è stato recentemente rinnovato dall'architetto Cino Zucchi. La struttura d'altronde risale al 1960 e si deve all'intuizione dell'aristocratico torinese Carlo Biscaretti di Ruffia. Vanta una delle collezioni più rare ed interessanti nel suo genere, quasi 200 automobili originali, dalla metà dell’800 ai giorni nostri, di oltre ottanta marche diverse, provenienti dall’Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Spagna, Polonia e Stati Uniti.

"Il Museo si propone di raccontare la storia dell'automobile, la trasformazione da mezzo di trasporto a oggetto di culto, dalle origini fino all'evoluzione contemporanea del pensiero creativo. Attraverso l'evoluzione dell’auto, racconteremo i passaggi epocali della società", ricorda la nota di presentazione.