Spazio e Scienze

Musk come Hawking: l’intelligenza artificiale è pericolosa

L'intelligenza artificiale è pericolosa, rappresenta "la più grande minaccia" alla nostra esistenza e giocare con questo soggetto equivale a "evocare un demone". A dirlo non è un bigotto antiquato che rifugge la tecnologia, ma Elon Musk, il patron di Tesla e Space X, che fra l'altro rivendica un posto in prima fila per spedire l'uomo su Marte.

Sicuramente si tratta di un personaggio che crede fortemente nel progresso tecnologico, eppure quando si parla di IA si tira indietro: è estremamente pericolosa e coltivandola si rischia di mettere l'umanità in situazioni simili a quelle descritte nei classici dello sci-fi come Terminator e The Matrix. Insomma Musk concorda con Stephen Hawking, che qualche tempo fa suscitò grande scalpore per avere detto che l'Intelligenza Artificiale potrebbe essere l'ultimo grande evento della storia umana se non dovessimo riuscire controllarla.

Elon Musk

Qualcuno aveva sorriso e magari lo fa tutt'oggi, ma riflettiamo sul fatto che quando due personaggi di questa caratura scendono in campo esprimendo un giudizio molto simile sullo stesso argomento viene il sospetto che dietro non ci sia una paura infantile, ma un pericolo concreto.

Le affermazioni di Musk sono emerse nel corso di un simposio tenutosi la scorsa settimana al MIT, quando ha ammonito: "dobbiamo stare molto attenti con l'intelligenza artificiale", perché non dobbiamo immaginarla come HAL9000 (il computer intelligente di 2001: Odissea nello Spazio), che al confronto è un cucciolo di cane.

Intelligenza artificiale. Un approccio moderno: 1 Intelligenza artificiale. Un approccio moderno: 1
A.I. - Intelligenza Artificiale A.I. – Intelligenza Artificiale
Intelligenza artificiale: 2 Intelligenza artificiale: 2
L'intelligenza artificiale. Una guida filosofica L'intelligenza artificiale. Una guida filosofica
A.I. - Intelligenza Artificiale / L' Uomo Che Fuggi Dal Futuro (2 Dvd) A.I. – Intelligenza Artificiale / L' Uomo Che Fuggi Dal Futuro (2 Dvd)

"Sono sempre più propenso a pensare che ci dovrebbe essere una supervisione, persino a livello nazionale e internazionale, per assicurarsi che nessuno faccia qualcosa di molto stupido". E non è la prima volta che Musk esprime timori di questo tenore circa lo sviluppo dell'Intelligenza Artificiale. Quest'estate aveva dichiarato alla CNBC che i robot super intelligenti sono "potenzialmente più pericolosi delle armi nucleari".

Non sghignazzate: prima di accusare due pezzi da novanta di farneticare, forse vale la pena riflettere sul fatto che data la loro posizione, forse Musk e Hawking sanno qualcosa che noi non sappiamo.