Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Musk, terza guerra mondiale per colpa dell’AI

Le grandi potenze del mondo cercano e cercheranno il primato nell'Intelligenza Artificiale. Una ricerca di vantaggio strategico che, secondo Elon Musk, potrebbe anche innescare un nuovo conflitto mondiale.

"La competizione per la superiorità dell'AI a livello nazionale è la più probabile causa della terza guerra mondiale, secondo me". Lo ha detto Elon Musk, affidando come sempre a Twitter la propria voce e commentando le dichiarazioni di Vladimir Putin che abbiamo riportato ieri.

Un tweet che, come d'abitudine, ha innescato reazioni di ogni genere e generato molti articoli in tutto il mondo. Accade sempre quando parla Musk o un altro personaggio di rilievo, a maggior ragione quando si paventano minacce più o meno concrete legate all'intelligenza artificiale.

5b234f6039a37e2b455e337b8421aa5688a098e4 2880x1620
Elon Musk

Nel caso specifico, tuttavia, Musk non parla di una minaccia diretta. Il fondatore di SpaceX e Tesla infatti si aggancia a quanto detto da Putin per sottolineare il pericolo di una guerra "tradizionale" tra nazioni. Il movente sarebbe la ricerca della supremazia in ambito AI.

Leggi anche Bill Gates come Hawking e Musk: l'IA è pericolosa

Nell'articolo di ieri abbiamo accennato alla dinamica della competizione, che non è esclusiva della ricerca sull'AI ma vale in generale per qualsiasi ricerca scientifica. Se uno o più gruppi stanno lavorando allo stesso obiettivo, ognuno di essi ha uno o più motivi per cercare di arrivare primo.

Nel caso dell'AI l'ipotesi, come ci ha ricordato Vladimir Putin, è che il vantaggio strategico sarebbe definitivo e permetterebbe al vincitore di "dominare il mondo". Una posta in gioco che fa gola a ogni potenza mondiale (e non solo) e che genera due possibili ricadute negative dovute alla dinamica della competizione.

putin 1[1]
Vladimir Putin

Alla prima abbiamo accennato ieri: un gruppo che si dovesse sentire troppo indietro rispetto a un altro potrebbe decidere di ridurre gli investimenti in sicurezza. Così facendo potrebbe arrivare prima nella creazione di una AGI (Artificial General Intelligence) e di una ASI (Artificial Super Intelligence) ma lo farebbe senza aver risolto prima il problema del controllo. Esponendo così il genere umano a un indesiderabile rischio esistenziale.

Leggi anche La rivoluzione AI, il cammino verso la Superintelligenza

L'altra conseguenza indesiderabile, quella evidenziata da Musk, è invece l'innescarsi di una guerra "preventiva". La potenza A vede che B è vicina al risultato, e per impedire che ciò accada decide di attaccare militarmente. Un rischio evidentemente molto alto, anche se forse minore rispetto al primo – ci sono buone probabilità che il genere umano possa sopravvivere in caso di Terza Guerra Mondiale.

her
HER (2013, Amazon)

D'altra parte lo sviluppo di una AI forte potrebbe anche essere la risposta per mettersi al riparo da una nuova guerra globale e per risolvere tanti altri problemi dell'umanità; dunque il discorso sul bilanciamento dei rischi è piuttosto complesso. Nei commenti sotto al tweet di Musk, inoltre, c'è chi ricorda saggiamente che una guerra globale è già in corso: si tratta però di cyberguerra, con scontri che finora non hanno visto l'uso di armamenti tradizionali – ma casi come quello di Stuxnet ne hanno reso evidente la pericolosità.

Leggi anche Intelligenza artificiale e cinema in 27 film

Esiste tuttavia un modo relativamente semplice di prevenire i problemi dovuti alla dinamica competitiva, ed è la condivisione e la collaborazione. Uno degli elementi più critici è infatti l'ignoranza dei gruppi di ricerca rispetto alle proprie capacità e quelle degli altri concorrenti. Se tutti sapessero cosa gli altri sono in grado di fare e a che punto sono, si potrebbe se non altro evitare un attacco preventivo fatto alla cieca, scagliato "giusto per sicurezza".

Non è granché, ma se non altro sarebbe un punto di partenza. Di contro, però, le grandi potenze del mondo (Russia, Cina, USA, ecc …) storicamente non hanno mostrato una grande inclinazione a condividere informazioni sensibili con i propri avversari, né con gli alleati. Il pericolo evidenziato da Elon Musk resta dunque concreto, qualcosa che la politica e la diplomazia dovranno tenere in considerazione.


Tom's Consiglia

Meglio limitarsi alla guerra simulata, nei videogiochi. Se vi sentite grandi strateghi, Civilization è sempre un gran modo di mettersi alla prova.