Tom's Hardware Italia
Telco

Netflix svela le prestazioni delle connessioni Internet: telco italiane preoccupate?

L'ISP Speed Index di Netflix svela ogni mese le prestazioni medie raggiunte dal suo servizio con i provider Internet dei paesi dove è presente.

Quando Netflix sbarcherà in Italia – ormai è confermato ottobre – le prestazioni reali dei servizi Internet di Telecom, Fastweb, Vodafone e gli altri operatori saranno finalmente svelate. Avremo un indice medio di velocità (del prime time) grazie all'ISP Speed Index di Netflix, che mensilmente svela i dati (bitrate) sui provider nazionali dove offre il suo servizio. In pratica analizza il traffico generato dalla clientela di 28 paesi e ne fa una media, includendo velocità minima e massima, nonché tecnologie offerte.

ISP Speed Index
ISP Speed Index

In Europa ad esempio domina il Belgio con una media bitrare di 4,16 Mbps, seguito da Lussemburgo (4,12 Mbps), Svizzera (4,08 Mbps) e Paesi Bassi (4,03 Mbps). Francia e Germania registrano rispettivamente 3,42 e 3,76 Mbps. Da rilevare che l'Europa fa meglio del resto del mondo, perché negli Stati Uniti non si superano i 3,20 Mbps di media.

Ovviamente trattandosi di medie matematiche bisogna approcciare ai numeri con cautela. In alcuni paesi una media alta potrebbe essere correlata a prestazioni diffuse piuttosto allineate, mentre in altri a forti polarizzazioni – pochi che vanno velocissimi e molti che vanno piano.

ISP Speed Index
Netflix ISP Speed Index UE

Inoltre bisogna considerare che si parla di medie calcolate nel prime time, quindi in quelle 3 ore di picco quotidiano che per Netflix coincidono con l'ora di cena.

Ad ogni modo gli operatori non potranno più bluffare e rischiano anche brutte figure perché Netflix indica anche i bitrare massimi e quelli minimi mensili – sempre calcolati come media sui clienti. Il migliore in Europa a luglio? Improware in Svizzera con 4,43 Mbps. Il peggiore? imagine in Irlanda in Belgio con 1,87 Mbps.

Aggiornamento. I dati espressi nelle tabelle non indicano le prestazioni assolute dei provider. Sono una fotografia prestazionale dei bitrate raggiunti con il servizio Netflix. Pessimi risultati potrebbero essere legati alla qualità dei servizi Internet oppure a quella della distribuzione dei contenuti, il tipo di dispositivo o la risoluzione dei titoli.