Criptovalute

NFT: l’offerta di oggetti unici potrebbe superare la domanda?

I token non fungibili, o NFT, hanno preso d’assalto il settore delle criptovalute nel 2021. Il crescente interesse per questi oggetti da collezione digitali ha portato a volumi di trading da record durante il mese di agosto, con vendite individuali di NFT superiori a 1 milione di dollari. Tuttavia, con così tanti NFT attualmente sul mercato, può essere difficile determinare quali oggetti da collezione valgano davvero prezzi così elevati.

Un afflusso di nuovi NFT continua infatti a inondare il mercato delle criptovalute ogni giorno. Ma anche se questi NFT vantano rarità, caratteristiche uniche e accessibilità, rimane la domanda se troppa offerta supererà o meno la domanda. Inoltre, se questo è il caso, gli NFT sono destinati a perdere valore nel tempo. Jason Lau, chief operating officer dello scambio di criptovaluta Okcoin, ha ad esempio dichiarato a Cointelegraph che gli NFT possono in definitiva essere creati da chiunque abbia accesso a Internet, ma che una popolazione molto più piccola è interessata a possederli.

In termini di valore perso nel tempo, Lau ha sottolineato che ci sono molti parallelismi tra NFT e arte tradizionale. Come risultato dell’offerta potenzialmente superiore alla domanda, ritiene che alcuni NFT perderanno inevitabilmente valore, mentre altri matureranno di valore man mano che nuovi creatori ed esperienze aumenteranno di popolarità.

Santiago Roel Santos, un investitore finanziario decentralizzato, ha inoltre dichiarato a Cointelegraph che, sebbene non tutti gli NFT manterranno il loro valore, si aspetta di vedere il prossimo Picasso emergere da questo movimento: “A questo punto, ogni grande artista, creatore e studio sta pensando alle NFT e ha una strategia”.