Tom's Hardware Italia
e-Gov

Nuova legge sulla data retention

Il Senato ha ieri approvato il provvedimento noto come Grande Fratello, la normativa nata da una iniziativa governativa annunciata sotto Natale che è stata, però, ampiamente ridimensionata grazie alla mobilitazione dentro e fuori dalla rete. Ieri nell’aula di Palazzo Madama a larga maggioranza si è dunque deciso che i dati relativi al traffico telefonico e […]

Il Senato ha ieri approvato il provvedimento noto come Grande Fratello, la
normativa nata da una iniziativa governativa annunciata sotto Natale che è
stata, però, ampiamente ridimensionata grazie alla mobilitazione dentro
e fuori dalla rete.

Ieri nell’aula di Palazzo Madama a larga maggioranza si è dunque deciso
che i dati relativi al traffico telefonico e quelli della posta elettronica
saranno conservati da operatori e provider per 24 mesi e soltanto con finalità
legale all’accertamento dei reati e alle attività giudiziarie e di polizia
relative.

Si tratta, evidentemente, di un risultato destinato a soddisfare almeno in
parte le richieste di quanti hanno sostenuto la petizione avviata da QuintoStato
contro il decreto del Governo che in origine puntava ad una data retention protratta
fino ad un massimo di cinque anni.