Fotografia

Obiettivi

Pagina 2: Obiettivi

Ognuna delle tre mirrorless ricevute in prova ci è stata fornita con il suo obiettivo standard del kit, uno zoom 3 x di dimensioni compatte, non particolarmente luminoso, ma soprattutto economico, in particolare quando lo si acquista con la fotocamera:

comparativa mirrorless entry level 060

La seguente tabella riporta le caratteristiche principali di ciascun obiettivo:

Caratteristiche Canon EF-M 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM Fujinon XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ E PZ 16-50 mm F3,5-5,6 OSS
Lunghezza focale equivalente 35 mm 24-72 mm 23-69 mm 24-75 mm
Anello messa a fuoco si si si, lo stesso dello zoom quando in modalità MF
Elementi/gruppi 10/9 10/9 8/9
Lamelle diaframma 7 7 7
Distanza minima di MAF 25 cm 13 cm 25 cm
Struttura retrattile si si si
Motore AF STM motore passo-passo n.d.
Stabilizzatore ottico si, 3,5 f/stop si, 3 f/stop si
Diametro filtri 49 mm 52 mm 40,5 mm
Dimensioni (diametro x lunghezza) 60,9 x 44,5 mm 62,6x 44,2 mm 64,7 x 29,9 mm
Peso 130 g 135 g 116 g
comparativa mirrorless entry level 061
Il Fujinon XC15-45mmF3.5-5.6 OIS PZ ha un anello dello zoom motorizzato, il Sony E PZ 16-50 mm F3,5-5,6 OSS idem mediante sistema power zoom + interruttore W/T: soluzioni vantaggiose nei filmati per l'uniformità di zoomata. Solo il Canon EF-M 15-45mm f/3.5-6.3 IS STM è dotato di meccanismo tradizionale

Dal punto di vista costruttivo ci troviamo di fronte a tre obiettivi economici, realizzati in plastica, dei quali solo il Sony ha la baionetta in metallo:

comparativa mirrorless entry level 062

L'escursione focale, simile per i tre obiettivi, permette di far fronte a molte delle situazioni più comuni di ripresa: paesaggi, street photography, ritratti ecc.

comparativa mirrorless entry level 063
Canon, escursione focale: 15 mm sinistra, 45 mm destra
comparativa mirrorless entry level 064
Fujifilm, escursione focale: 15 mm sinistra, 45 mm destra
comparativa mirrorless entry level 065
Sony, escursione focale: 16 mm sinistra, 50 mm destra

Come si può notare, l'escursione è simile a meno delle differenze costruttive e dovute alle diverse dimensioni del sensore. Fujifilm e Sony hanno sostanzialmente lo stesso angolo di campo nella posizione W (grandangolo), lievemente superiore a quello di Canon, mentre sul fronte del teleobiettivo Sony ovviamente si spinge un po' di più degli altri due (75 mm equivalenti nel formato FF). Inoltre, quest'ultima adotta lo zoom digitale intelligente che mediante interpolazione dei pixel offre lo stesso grado di nitidezza di uno ottico con minimi artefatti, pur con un fattore d'ingrandimento di 1,4 o 2 x.

Vediamo quali risultati ci si può aspettare in termini di nitidezza dall'abbinamento di queste tre ottiche con i rispettivi corpi macchina. Per questo, abbiamo effettuato una prova di nitidezza a tutta apertura – il caso normalmente più sfavorevole – e a diverse lunghezze focali, sia al centro che ai bordi. Crop immagine 1:1.

Da questo momento in poi, in tutte le foto comparative abbiamo Canon a sinistra, Fujifilm al centro, Sony a destra.

comparativa mirrorless entry level 066
Centro 15 mm
comparativa mirrorless entry level 067
Bordo 15 mm
comparativa mirrorless entry level 068
Centro 25 mm
comparativa mirrorless entry level 069
Bordo 25 mm
comparativa mirrorless entry level 070
Centro 45 mm
comparativa mirrorless entry level 071
Bordo 45 mm

Aberrazione cromatica laterale: tutte e tre le nostre mirrorless hanno la correzione in camera dell'aberrazione cromatica laterale operata dal processore d'immagine, pertanto è quasi del tutto invisibile:

comparativa mirrorless entry level 072

comparativa mirrorless entry level 073

Quello che possiamo notare, con l'obiettivo alla minima lunghezza focale, è un accenno (ma davvero un accenno!) di green fringing nel Canon e nel Sony, che presenta anche un residuo di purple fringing. Tuttavia, nei casi reali, se non si zooma nell'immagine non risulta visibile.

Anche la vignettatura è corretta in camera, ma come abbiamo potuto osservare dalle foto scattate per valutare la nitidezza, a tutta apertura e alla focale minima la si nota nel Canon.

Osservando il pattern a quadrati seguente si può avere un'idea della distorsione prodotta dai tre obiettivi:

comparativa mirrorless entry level 074
Distorsione wide
comparativa mirrorless entry level 075
Distorsione tele

Alla lunghezza focale minima, il Canon presenta una visibile distorsione a botte, corretta quasi del tutto nel Fujinon e nel Sony. Con lo zoom su tele, si nota ancora un po' di distorsione a botte sul Canon, quasi nulla sulle altre due ottiche.

Ottima in tutti i casi la resa scattando contro fonti di luce frontali:

comparativa mirrorless entry level 076
In completo controsole (senza paraluce) non si notano riflessi o perdite di contrasto nelle immagini

Veniamo alla prova del coma e dei bagliori:

comparativa mirrorless entry level 077

Tutte e tre le ottiche provate non sono purtroppo immuni al coma, del resto piuttosto comune su obiettivi di fascia economica. Basti osservare le luci rosse dei grattacieli, che al posto di risultare puntiformi assumo invece la forma della coda di una cometa, da qui il nome. Le foto sono state scattate a tutta apertura. Il Sony presenta qualche bagliore in più dei concorrenti.

Da ultimo, un plauso alla ridotta distanza minima di messa a fuoco del Fujinon (13 cm dal soggetto al piano focale), che lo rende adatto anche al close up.