Realtà virtuale

Oculus Rift “low cost”, costerà fra i 200 e i 400 dollari

La versione definitiva dell'Oculus Rift avrà un prezzo compreso fra i 200 e i 400 dollari. Questo è l'obbiettivo di Palmer Luckey, fondatore dell'azienda, che in un'intervista con Eurogamer ha svelato diversi dettagli sull'atteso visore per la realtà virtuale.

La fascia di prezzo indicata riflette il costo del DK2, la nuova versione del kit di sviluppo del visore disponibile a 350 dollari. Luckey ha tuttavia spiegato che il prezzo del modello dell'Oculus Rift indirizzato ai consumatori potrebbe aumentare o diminuire a seconda di diversi fattori, come il numero di prenotazioni, i componenti usati, gli accordi commerciali e altro ancora.

Discorso diverso per le specifiche tecniche dell'Oculus Rift CV1 (Consumer Version 1), che a quanto pare sembrano già pianificate. "Sappiamo cosa stiamo facendo e ora si tratta soltanto di realizzarlo", commenta Luckey, confermando che ci sarà un aumento di risoluzione rispetto al DK2, in modo simile al passaggio da 720p a 1080p avvenuto fra il DK1 e il DK2.

Si parla inoltre di miglioramenti al refresh rate, che raggiungerà i 90 Hz al posto dei 75 Hz del DK2, di una riduzione del peso e anche delle dimensioni. Nessun dettaglio invece per la data d'uscita. L'obbiettivo dell'azienda è di dare tempo agli sviluppatori, in modo da debuttare con il visore insieme a una discreta quantità di contenuti software.

###old3075###old

A giugno tuttavia Brendan Iribe, amministratore delegato di Oculus VR, ha svelato ad Ars Technica che non debuttare entro la fine del 2015 rappresenterebbe una delusione per l'azienda. Anche per i numerosi appassionati sparsi in tutto il mondo, ci permettiamo di aggiungere.