Tom's Hardware Italia
Sicurezza

OK del Parlamento UE al più grande database biometrico europeo, a un anno dal GDPR

Ad appena un anno di distanza dall'entrata in vigore del GDPR il parlamento UE ha dato via libera alla creazione del più grande database di dati biometrici europeo. Strumento per la sicurezza o minaccia alla privacy?

Il Parlamento UE ha dato il via libera necessario affinché divenga realtà il più grande database di dati biometrici dell’Unione europea. Il sistema, che unificherà gli attuali sistemi per il controllo delle frontiere esistenti nei singoli Paesi e consentirà un controllo molto più capillare anche tramite l’incrocio dei dati, è presentato come un avanzamento per la sicurezza dei cittadini europei. Tuttavia le associazioni ne stigmatizzano le minacce per la privacy, ad appena un anno dall’entrate in vigore del GDPR, il rivoluzionario regolamento europeo mirato proprio alla protezione dei dati sensibili dei propri cittadini.

Il database, conosciuto con la sigla CIR (Common Identity Repository), avrà lo scopo di connettere tra loro i sistemi esistenti all’interno dell’Unione europea per la gestione delle frontiere, attualmente spesso incompatibili gli uni con gli altri, in modo da facilitare l’identificazione di immigranti illegali, terroristi e criminali generici.

Il nuovo Sistema dovrebbe quindi unificare le informazioni identificative di oltre 350 milioni di cittadini europei ed extraeuropei, gestendo informazioni come date di nascita e codici dei passaporti. Ulteriori modifiche dovrebbero consentire ai funzionari di sicurezza di incrociare informazioni su impronte digitali e altri dati biometrici, rilevando così ad esempio individui registrati in più Stati con identità differenti.

Si tratta di una soluzione sulla scia di quelle già utilizzate negli Stati Uniti dall’FBI o in India, ma come sempre molte associazioni per i diritti civili si sono dette preoccupate sull’utilizzo reale che sarà fatto dei dati e la reale protezione della privacy degli utenti. Il CIR comunque è ormai destinato a divenire realtà. La differenza tra maggior efficienza e protezione dei cittadini e controllo di massa è indubbiamente esile e passa per la credibilità e la correttezza dei nostri governanti. I tanti scandali del passato, anche al di fuori dei nostri confini, spesso non aiutano a nutrire fiducia negli oscuri sistemi di controllo perpetrati a nostra maggior sicurezza. Forse una maggior trasparenza e comunicazione aiuterebbe a dissipare i legittimi sospetti e a far sì che ci sentiamo tutti più sicuri tanto dal terrorismo quanto dal Grande Fratello.