Tom's Hardware Italia
Telco

Open Fiber a Imola, 18 mesi per l’FTTH a 1 Gbps

Open Fiber ha siglato un accordo con il comune di Imola e il Gruppo HERA per cablare la città in 18 mesi. Porterà la fibra FTTH in 30mila edifici.

Open Fiber ha siglato un accordo con il Gruppo Hera che le consentirà di sfruttare le infrastrutture di rete gestite dalla multiutility per cablare in fibra FTTH 1 Gbps la citta di Imola. L'accordo con il Comune prevede un'agevolazione delle procedure burocratiche e la copertura di circa 30mila unità immobiliari, attraverso 10.000 km di fibra, entro 18 mesi dall'avvio lavori.  

"Grazie alla collaborazione con il Gruppo Hera, gestore dei servizi a rete sul territorio, Open Fiber utilizzerà ove possibile cavidotti e infrastrutture di rete sotterranee già esistenti per limitare il più possibile l'impatto degli scavi sul territorio e gli eventuali disagi per la comunità", si legge nella nota ufficiale.

open fiber

Da rilevare che l'accordo tra Open Fiber e Hera prevede per il territorio comunale una concessione per l'utilizzo delle infrastrutture di rete della durata di vent'anni, prorogabile eventualmente per altri venti, "oltre al contributo tecnico da parte delle professionalità della multiutility per la realizzazione del progetto".

Guido Garrone, direttore Network Operations di Open Fiber ha confermato che "il cablaggio di Imola rientra in un più ampio piano di investimenti per l'Emilia Romagna".

Da ricordare infatti che Open Fiber ha già firmato un altro accordo con la Regione per cablare Cesena, Piacenza, Forlì, Ferrara, Rimini, Ravenna, Reggio Emilia, Modena e Parma. A Bologna fornisce già il servizio in collaborazione con Tiscali, Vodafone e Wind Tre. Le 11 città fanno parte del piano nazionale privato che ha come obiettivo la copertura di 273 centri entro il 2023.

"Grazie a questo accordo l'intera comunità imolese, con i suoi cittadini, le sue imprese ed associazioni compie un importante passo in avanti, perché potrà usufruire di un servizio efficiente e all'avanguardia in uno dei settori strategici per la competitività ed attrattività del territorio, oltre che più in generale per la sua qualità della vita", ha ricordato Annalia Guglielmi, assessore all'Innovazione.

"Voglio sottolineare, inoltre, che Imola è l'unica città non capoluogo di provincia ad essere stata inserita per l'Emilia Romagna, in questo progetto di diffusione della banda ultralarga".