Tom's Hardware Italia
Home Cinema

pagina n.6

Pagina 6: pagina n.6
Quando quelli della Apple decidono di produrre qualcosa di nuovo, solitamente fanno un buon lavoro. Con la terza generazione di iPod, hanno aggiunto una serie di nuove caratteristiche per aumentarne la funzionalità. Abbiamo inoltre preso in considerazione alcuni accessori molto utili per chi vuole estendere la versatilità dell'iPod.

La terza generazione di iPod all’opera, Continua

Non ci sono cambiamenti nella terza generazione di iPod, per
quanto riguarda la qualità sonora. I nuovi hanno una resa pari a quella
della precedente serie. Le cuffiette sono state ridimensionate. Qualcuno si
deve essere lamentato per la dimensione delle cuffie originali, dato che, dopo
alcuni test di comparazione da noi effettuati, è emerso che la differenza
tra quelle e le nuove consiste solo nella riduzione delle misure.

Abbiamo testato l’autonomia della batteria degli iPod nuova
serie che, come è stato detto, dovrebbe durare circa 8 ore dopo una piena
ricarica. Come spiegato nella nostra prima recensione, per ottenere questi risultati
la Apple ha fatto in modo di utilizzare il meno possibile l’hard disk, facendo
leggere gli MP3 dalla memoria cache di 32MB di cui sono dotati gli iPod. Come
si può ben immaginare, a parte questi particolari nessuno sa realmente
come funzioni la strategia per il risparmio energetico studiata dalla Apple
.

Dopo aver aperto il pacco, abbiamo caricato e scaricato completamente
la batteria, per tre volte. Abbiamo poi preaparato un elenco di 25 canzoni,
per un totale di circa 75MB, che abbiamo fatto riprodurre all’iPod in continuazione.
Posizionato su una superficie stabile, abbiamo monitorato le prestazioni e aspettato
che la batteria si scaricasse. Se le nostre teorie sul risparmio energetico
fossero state corrette, avremmo dovuto sentire girare l’hard disk circa 2 o
tre volte, quando cioè aggiungeva altre tracce nel buffer. In una modalità
"reale" anzichè nei test, c’è la possibilità
che avvengano errori nella lettura da parte dell’hard disk, causando una diminuizione
dell’autonomia e delle prestazioni; abbiamo pertanto analizzato una situazione
"ideale". Il test è stato condotto per tre volte, ricaricando
l’iPod ogni volta per almeno 6 ore. Il risultato è stato che la durata
della batteria è allineata con le aspettative, fornendo valori di 7 ore
e 49 minuti, 7 ore e 45 minuti, 7 ore e 52 minuti, rispettivamente. L’iPod possiede
una batteria dalle eccezionali prestazioni, cosa non trascurabile, considerando
che la nuova batteria è molto più piccola di quella che l’ha preceduta.

Un’altra grande caratteristica è la capacità
dell’iPod di creare al volo una lista di canzoni, grazie al nuovo "On-The-Go
Play List Maker". Permette all’utente di fare un elenco dei file già
presenti nell’iPod. Dato che la lista creata dall’ "On-The-Go" non
può essere archiviata, viene memorizzata finchè non si collega
l’iPod al PC. Il software Music Match Jukebox ha alcune novità che permettono
la creazione e la gestione di elenchi di canzoni, in maniera notevolmente più
semplice rispetto a prima.

Come fatto rilevare in precedenza, i nuovi tasti retroilluminati
sono una caratteristica molto apprezzata; la sensibilità, tuttavia, è
leggermente superiore al necessario. E’ richiesta un po’ di pratica per familiarizzare
con questi tasti, abituati com’eravamo all’originale pulsante a "click"
della precedente serie di iPod. La nuova rotella di navigazione, invece, è
rimasta uguale: è necessario un po’ di tempo per abituarcisi. Invece
di essere troppo sensibile al tocco, tuttavia, sembra essere diventata un po’
meno reattiva, rispetto alla precedente.

Complessivamente, nell’uso di tutti i giorni l’iPod si è
rivelato uguale alla precedente generazione. La qualità sonora è
sempre ottima e il nuovo design è carino. L’iPod svolge egregiamente
il suo lavoro e non abbiamo riscontrato quasi nulla che non ci piaccia di questa
nuova versione.