10 0 9 Canon EOS 6D Mark II
Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Fotografia

Particolarità tecniche

Sensore
CMOS full frame
Risoluzione
26,2 Mpixel effettivi
Autofocus
45 punti
Processore d'immagine
DIGIC 7
Innesto obiettivo
Canon EF

Pagina 2: Particolarità tecniche

La EOS 6D Mark II è dotata di un nuovo sensore CMOS full frame da 26,2 Mpixel, di produzione ovviamente Canon; un bel passo in avanti, in termini di risoluzione, rispetto a quello della sua progenitrice da 20 Mpixel.

Il nuovo sensore della 6D Mark II misura 35,9 x 24,0 mm
Canon EOS 6D Mark II

Capace di una gamma di sensibilità da ISO 100 a ISO 40000 (espandibile a L: 50 e H2: 102400), cattura immagini da 6240 x 4160 pixel alla massima risoluzione con un pixel size di 5,67 µm per una grande ricchezza di dettaglio e un ottimo rapporto S/N grazie al sensore pieno formato, che ha un’area circa 2,5 volte maggiore rispetto ad un APS-C.

Il processore d’immagini è il noto DIGIC 7 di settima generazione, introdotto nel 2016 con la PowerShot G7 X Mark II. Il nuovo processore d’immagine, oltre ad essere più potente del precedente DIGIC 6 e a consentire una maggiore velocità di scatto continuo a raffica, aggiunge la possibilità di correzione in camera – con gli obiettivi predisposti e nella modalità foto – della distorsione e della diffrazione, cioè della perdita di nitidezza che si verifica chiudendo molto l’obiettivo, oltre che dell’aberrazione cromatica laterale e della vignettatura.

Canon EOS 6D Mark II

Anche la EOS 6D Mark II è dotata di sistema Flicker Detection, introdotto con la EOS 7D Mark II, che assicura immagini con esposizioni costanti e precise in diversi scenari di illuminazione, tra cui la luce fluorescente. Quando infatti si riprende in condizioni di luce artificiale, come ad esempio con lampade fluorescenti, la luce intermittente da esse prodotta non viene percepita dall’occhio umano, ma può causare luminosità e colori non uniformi quando si scattano raffiche d’immagini. Il sistema rileva in modo intelligente frequenze luminose di 100 e 120 Hz e attiva l’esposizione di ogni scatto in concomitanza con il picco massimo di luminosità per ottenere risultati costanti.

Canon EOS 6D Mark II

Questa reflex full frame è resistente alla polvere e all’umidità, in grado quindi di lavorare in condizioni climatiche ostili, ideale per i fotografi che devono scattare indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

Canon EOS 6D Mark II

Lo chassis della fotocamera è realizzato in lega di alluminio e policarbonato con fibra di vetro, mentre il corpo è costruito in policarbonato con speciali fibre conduttive e fibra di vetro in alcune aree.

Canon EOS 6D Mark II

I menu della EOS 6D Mark II

Il seguente video illustra sinteticamente la struttura a menu della reflex:

Confronto diretto EOS 6D Mark II vs. EOS 6D

Prima di passare alle prestazioni, nella seguente tabella (tratta dal sito web della Canon Italia) si confrontano le caratteristiche principali della nuova Canon EOS 6D Mark II rispetto alla EOS 6D:

Canon EOS 6D Mark II

…mentre le seguenti immagini mostrano le differenze fra le due reflex ottenute cambiando la qualità delle immagini riprese in JPEG passando da L (Large), M (Medium), S1 e S2 (Small), con specificata la grandezza dell’immagine prodotta e il peso del file:

EOS 6D Large: 5472 x 3648 pixel 8,4 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Mark II Large: 6240 x 4160 pixel 10,4 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Medium: 3648 x 2432 pixel 4,3 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Mark II Medium: 4160 x 2768 pixel 5,4 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Small 1: 2736 x 1824 pixel 2,8 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Mark II Small 1: 3120 x 2080 pixel 3,5 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Small 2: 1920 x 1280 pixel 1,5 MB
Canon EOS 6D Mark II
EOS 6D Mark II Small 2: 2400 x 1600 pixel 2,3 MB
Canon EOS 6D Mark II

Rumore agli alti ISO

Per fornire un termine di paragone sul rumore agli alti ISO in JPEG e vedere come lavora il processore d’immagine DIGIC 7, abbiamo comparato i risultati con quelli ottenuti dalla Canon EOS 6D a parità di condizioni:

  • Formato: JPEG Large Fine (massima risoluzione)
  • Messa a fuoco: Live View
  • Bilanciamento del bianco: auto
  • Ottimizzazione automatica della luce: standard
  • Riduzione rumore agli alti ISO: standard
  • Obiettivo: Sigma 50mm f/1.4 DG HSM Art

Le immagini seguenti sono crop 1:1 di quelle originali:

Canon EOS 6D a sinistra, EOS 6D Mark II a destra

ISO 1600
Canon EOS 6D Mark II
ISO 3200
Canon EOS 6D Mark II
ISO 6400
Canon EOS 6D Mark II
ISO 12800
Canon EOS 6D Mark II
ISO 25600
Canon EOS 6D Mark II
ISO 51200
Canon EOS 6D Mark II

Ecco un’altra serie:

ISO 1600
Canon EOS 6D Mark II
ISO 3200
Canon EOS 6D Mark II
ISO 6400
Canon EOS 6D Mark II
ISO 12800
Canon EOS 6D Mark II
ISO 25600
Canon EOS 6D Mark II
ISO 51200
Canon EOS 6D Mark II

Osservando i risultati ottenuti, si evince che sino ad ISO 12800 i risultati sono confrontabili con quelli della EOS 6D, e anzi per certi versi migliori in quanto non si osservano certe “macchie” visibili invece scattando con quest’ultima in condizioni di scarsa illuminazione. Oltre ISO 12800, il rumore della 6D Mark II assume una natura diversa, di tipo cioè puntiforme, analogamente a quello generato da altre reflex Canon di recente generazione. I progressi rispetto alla 6D di cinque anni prima sono evidenti, perché quest’ultima, oltre ad un certo limite di sensibilità, inizia a generare delle strisce colorate che sono (quasi) assenti sulla nuova versione. Lo si vede bene osservando, nella sua globalità, il cielo di queste due foto riprese ad ISO 51200:

Canon EOS 6D, ISO 51200
Canon EOS 6D Mark II
Canon EOS 6D Mark II, ISO 51200
Canon EOS 6D Mark II

Nel complesso, le prestazioni della 6D Mark II sono superiori a quelle della 6D, perché l’aumento della risoluzione non comporta un aumento del rumore visibile in JPEG alle alte sensibilità. E la conferma la si ha confrontando i seguenti due scatti in RAW:

Canon EOS 6D a sinistra e 6D Mark II a destra: si noti l’immagine molto più pulita catturata dalla seconda
Canon EOS 6D Mark II

La presente sequenza mostra invece il rumore a ISO 25600 in JPEG variando l’entità di riduzione dello stesso.

Da sinistra a destra, dall’alto in basso: variazioni ottenute cambiando l’entità d’intervento del riduttore di rumore agli alti ISO, passando da OFF, basso, medio e alto
Canon EOS 6D Mark II

La differenza è sensibile, purtroppo però la riduzione del rumore va a discapito del dettaglio. L’algoritmo agisce infatti in maniera molto pesante “piallando” molti dettagli dell’immagine. Infine, è possibile elaborare le immagini RAW direttamente in camera tramite apposito menu.