Streaming e Web Service

PayPal, scambiarsi denaro diventa gratis al 100%

Da qualche settimana PayPal ha introdotto una gradevole novità. Scambiarsi denaro tra parenti e amici non costerà più nulla, anche se si usa una carta di credito. Fino a qualche tempo fa, invece, le transazioni gratuite erano solo quelle fatte tramite il conto bancario. La novità è attiva, almeno per ora, solo all’interno dell’area Euro.

PayPal chiama la novità free peer2peer ed è riservata esclusivamente agli scambi tra privati, ed esclude le operazioni di compravendita. Nel classico scenario della pizzata tra amici, dunque, i problemi del conto si potranno risolvere agilmente e senza spese aggiuntive – e addio bistromatica.

La novità, di cui PayPal parlerà usando l’hashtag #inspirethechange, non è dunque intesa come una sostituzione alle transazioni commerciali. Nell’applicazione si troveranno infatti due voce, da selezionare prima di completare la transazione.

Si sceglie prima il contatto a cui passare il denaro, e successivamente tra “Parenti e amici” oppure “beni e servizi”. Nel secondo caso si applicano comunque le transazioni, ma si ottiene la protezione del compratore offerta dall’azienda. Una scelta che PayPal consiglia caldamente per tutelarsi da eventuali problemi posteriori all’acquisto; a tal proposito, i dirigenti non hanno specificato se ci saranno controlli specifici, ma lo si può ritenere almeno probabile.

Durante la presentazione Federico Zambelli (Country Manage, PayPal Italia) ha spiegato come la nuova opzione sia progetta per rendere più semplici le piccole transazioni quotidiane, offrendo ai propri clienti uno strumento che renda più semplice e flessibile l’accesso al proprio denaro, e allo stesso tempo dare una nuova spinta all’eliminazione del contante.

Naturalmente, per PayPal si tratta anche di ingrandire ulteriormente il proprio giro d’affari e il numero di utenti. Nel 2018 le attività sono aumentate del 17%, il fatturato i 15 miliardi di dollari e le operazioni da mobile sono aumentate del 46%. Globalmente, PayPal gestisce “17mila dollari al secondo”. I clienti in totale sono 267 milioni, 6 milioni dei quali in Italia. Zambelli giustamente nota che, in un paese con circa 60 milioni di abitanti, è un numero più che ragguardevole.

Questo nuovo strumento sicuramente ha il potenziale per aiutare PayPal a crescere ulteriormente, un fattore più che determinante in uno scenario dove i concorrenti sono al momento numerosi e determinati a prendere al leadership. Ci sono colossi come Google, Apple o Samsung, ma anche il circuito bancario ha sviluppato strumenti simili (Jiffy Pay, XME Pay e simili). E poi ci sono piccole ma notevoli iniziative, come l’italiana Satispay.

Per garantirsi un posto al sole, allora, PayPal lavora su diversi fronti. Uno dei quali sono le API, che permettono di integrare il servizio praticamente ovunque, dal proprio sito di ecommerce a qualsiasi altra cosa che preveda lo scambio di denaro – ci sono app per esempio fatte apposta per dividere il conto della cena. Le ultime versioni delle API PayPal integrano già Free P2P e permettono lo scambio di denaro tra privati senza commissioni.