Tom's Hardware Italia
Telco

Quanto ha reso la fatturazione a 28 giorni? 1,19 miliardi

La Repubblica anticipa un rapporto shock dell'AGCOM che stima l'aumento delle entrate degli operatori TLC in relazione alla fatturazione a 28 giorni.

Il manager che ha inventato la fatturazione ogni 28 giorni è un "genio": con un banale escamotage è riuscito a sfilare 1 miliardo e 190 milioni di euro dalle tasche degli italiani.

Devono aver sgranato gli occhi anche gli analisti dell'AGCOM, quando hanno scoperto la cifra. In verità, considerata la delicatezza del caso, non hanno ancora diffuso una nota ufficiale al riguardo, ma La Repubblica stamane ha anticipato sulle sue pagine le prime stime trapelate dagli uffici.

agcom

Nello specifico si parla di 900 milioni legati alla rete fissa e 290 milioni invece alle SIM per cellulare con un abbonamento annesso. Un tesoretto che è comparso dal nulla per la prima volta nel 2016

Manca comunque ancora il dato sulle ricaricabili.

"Abbiamo notato che la bolletta emessa su 28 giorni non ha comportato una fuga dei clienti dalle aziende malgrado queste siano responsabili di un così marcato aumento dei prezzi. Ci troviamo di fronte a un caso di 'anelasticità al prezzo' in un contesto oligopolistico", ha commentato il Commissario AGCOM Antonio Nicita.

Leggi anche: AGCOM sanzionerà gli operatori sulle fatture a 28 giorni

"Sembra che i consumatori non abbiano compreso a pieno i significati e le implicazioni della manovra tariffaria; non hanno colto cioè che sono stati investiti da una crescita significativa dei prezzi. E sono rimasti fermi, senza reagire in alcuna maniera".

Ora, quelle che potrebbero sembrare affermazioni di difficile comprensione sono semplicemente scafati equilibrismi. Nicita sa bene che i consumatori non hanno potuto reagire perché di fatto gli operatori sono passati quasi tutti alla fatturazione a 28 giorni. Però non può denunciare alcun cartello perché da una parte i regolamenti consentono legittimamente i rincari, dall'altra mettersi a caccia di un metodo di fatturazione potrebbe portare a uno stallo alla messicana con gli operatori.

28 giorni

E così per fare breccia il Commissario ha individuato nell'assenza di trasparenza il punto debole dell'intera operazione. "Non basta comunicare alle persone che qualcosa è cambiato nelle modalità di pagamento", ha dichiarato Antonio Nicita. "Quello che conta è l'efficacia della comunicazione in termini di comprensione. Il consumatore – soprattutto se ha firmato un contratto con rinnovo automatico – tende a essere distratto e pigro".

Leggi anche: Sky e telco, la fatturazione a 28 giorni ha le ore contate

"E in un certo senso ha il diritto di essere così. Proprio per questo deve essere informato in modo puntualissimo dalle imprese, altrimenti siamo al limite dell'inganno. Il nostro ruolo come garanti? Vogliamo tenere vivo il tema e scuotere le famiglie perché tornino pienamente consapevoli della situazione che stanno vivendo. E guardiamo con fiducia al Parlamento perché ci doti di armi più efficaci e appuntite".

Ecco, siamo giunti al punto. "Guardiamo con fiducia al Parlamento perché ci doti di armi più efficaci e appuntite". L'AGCOM è stanca di essere disarmata di fronte alle continue violazioni attuate dagli operatori.

Leggi anche: Fatturazione 28 giorni, arriva la proposta di legge

C'è da legarsi alla sedia – per non cadere – nello scoprire quanto il Garante potrebbe scucire agli operatori per le malefatte dei 28 giorni… Si parla di al massimo 1 milione e 160mila euro di sanzione per operatore, contro appunto 1 miliardo 190 milioni di euro di gran baccanale complessivo. Il regolamento non consente di più.

tariffe

TIM, Vodafone, WindTre e Fastweb che sono al centro dell'indagine AGCOM probabilmente saranno sanzionate entro fine anno o nel 2018, ma in ogni caso se la rideranno.

"Lei mi sta citando stime sul maggiore fatturato delle aziende che sono contenute in una nostra analisi ancora non pubblica. Si tratta di calcoli che mi sembrano fondati, ma il nostro lavoro dovrà essere approfondito e affinato", ha risposto Nicita al giornalista che per primo ha posto la questione.

Materia delicata. Fissile. Rischia di irradiare tutti i servizi del paese.