Tom's Hardware Italia
Home Cinema

Recensione CTesports Mantra, sostanza con tanti compromessi

Cortek CTeSports Mantra   CTesports Mantra, cuffie da gaming con riduzione attiva dei rumori. PRO: Buon audio, numerose funzionalità. CONTRO: Materiali, scelte costruttive approssimative, microfono sottotono, notevole fruscio di fondo con riduzione dei rumori attivata, prezzo troppo alto. VERDETTO: Se è vero che l'abito non fa il monaco, è anche vero che una buona parvenza […]

Cortek CTeSports Mantra

 

CTesports Mantra, cuffie da gaming con riduzione attiva dei rumori.

31N5XeL2SJL


Cortek è un'azienda di Perugia attiva dal 2014 che si occupa di produrre prodotti in fabbriche cinesi, per poi importarli in Italia. Il brand CTesports, come si può presumere dal nome, è dedicato alle periferiche da gaming più spinte, tra cui le cuffie Mantra oggetto di questa recensione.

Cuffie che durante tutto il test hanno mostrato alti e bassi, con alcune note positive messe in ombra da scelte costruttive poco consone per un headset il cui prezzo supera i 170 euro.

Design e materiali

Le cuffie non hanno un design rivoluzionario o che cattura l'attenzione, anzi, sono piuttosto anonime. Costruite interamente in plastica con finitura soft touch che non cattura eccessivamente sporco e impronte, con cavo e microfono non removibili e archetto con anima in metallo.

DSC02118 JPG

L'imbottitura è in schiuma, piuttosto morbida per quanto riguarda i padiglioni, un po' più dura per l'archetto superiore, scelta che non ho apprezzato in quanto riduce il comfort. Il rivestimento è in ecopelle e restituisce una buona sensazione al tatto.

Lungo il cavo telato da 2,9 metri troviamo un grosso e pesante telecomando, che permette di gestire le varie funzionalità. Il collegamento al PC si effettua tramite i classici jack e microfono, a cui si aggiunge la USB, necessaria per alimentare la scheda audio e per permettere di far funzionare correttamente la riduzione attiva dei rumori.

Costruzione ed ergonomia

I padiglioni possono ruotare, caratteristica che vediamo più spesso nelle cuffie da gaming e che apprezziamo, in quanto permette di lasciare le cuffie attorno al collo, quando non in uso, in modo da ridurne l'ingombro ed evitare di limitare la rotazione della testa.

Tuttavia la realizzazione è lontana dall'essere ottimale, prima di tutto perché i perni hanno una tolleranza minima e durante la rotazione sentirete la plastica che si graffia. Secondo per la strana scelta costruttiva del microfono il quale, quando lasciato in posizione verticale, va a incastrarsi sul perno deformandosi.

DSC02122 JPG

Microfono che può inoltre essere ruotato anteriormente, come è normale che sia in modo da posizionarlo vicino alla bocca, ma anche posteriormente. Non capiamo perché non sia stato scelto di limitare la rotazione o non siano state fatte altre scelte costruttive, come un microfono a scomparsa o da agganciare, più consone al prezzo richiesto.

Leggi anche: Guida all'acquisto della cuffia da gaming

Il telecomando è poi troppo ingombrante e la sua lontananza dalla cuffia ci costringe a posizionarlo sul tavolo. Anche in questo caso, sarebbe stata più opportuna una soluzione esterna, che avrebbe sicuramente limitato la portabilità delle cuffie, che di per sé non è ottima, ma migliorato l'ergonomia d'uso.

Anche i tre connettori sono scomodi da usare e non è raro trovarsi nell'impossibilità di collegare la USB perché troppo lontana rispetto alle uscite jack del nostro PC, per esempio se usate una scheda audio esterna.

Anche in questo caso avremmo preferito o una soluzione solo USB, che avrebbe anche esteso la compatibilità di queste cuffie con altre console e dispositivi, invece di limitarla al solo PC.

DSC02119 JPG

Nonostante la costruzione interamente in plastica, sono piuttosto flessibili e risultano discretamente comode, se non fosse per la scarsa traspirabilità che in queste giornate calde porta al veloce surriscaldamento della zona intorno all'orecchio.

Funzionalità

3D, varie equalizzazioni e cancellazione attiva del rumore si possono selezionare direttamente dal telecomando. Anzi, sarebbe più corretto dire che il telecomando è l'unico modo d'interagire con queste cuffie che non vengono dotate di nessun software, particolare da non sottovalutare per quanto riguarda la selezione dei vari profili di equalizzazione.

DSC02126 JPG

Il piccolo pulsante "mode", che è quasi impossibile riconoscere senza guardarlo, data l'assenza di qualsiasi zigrinatura o rilievo che ne permetta l'identificazione, consente di scegliere tra quattro modalità: basic, gaming, music, movie. Il problema è che, nonostante ciascuna di esse sia indicata da un colore del led diverso sul telecomando, che però si spegne pochi secondi dopo la selezione, non abbiamo modo di sapere in quale modalità ci troviamo, a meno di non ricordarsi a memoria le associazioni di colore.

C'è poi un pulsante dedicato ad attivare o disattivare il microfono, e uno per l'attivazione della riduzione del rumore. Particolarmente piacevole risulta l'uso della ghiera del volume, con una buona resistenza e un ottimo feedback restituito.

Audio

Le specifiche tecniche parlano chiaro; driver da 53 mm, range di frequenza che va da 10Hz a 25KHz e potenza massima di 300mW. Numeri che da soli possono significare tutto e niente, ma che all'ascolto danno prova di una buona resa, sia nell'uso multimediale che durante i videogiochi.

Leggi anche: Recensione HyperX Cloud Alpha

In generale se la cavano bene in ogni situazione, dando sempre la giusta enfasi e un'accuratezza percepibile. L'assolo di "Tornado of Souls" dei Megadeth è stato eseguito in maniera chiara e pulita, con un minimo di distorsione a volume davvero alto, ma raramente andrete al di sopra del 40%, almeno per un uso standard.

DSC02125 JPG

Passando al "Notturno op.9 No.2" di Chopin il pianoforte è stato ben riprodotto, salvo sempre qualche piccola imprecisione per le tonalità più alte. Con "Lift me up" di Moby hanno dato il meglio, con una buona enfasi dei bassi e spazialità.

Ciò che dà un po' fastidio è la leggera presenza di un lieve fruscio, nella modalità stereo, che diventa ben presente e a tratti fastidioso quando abilitiamo il 3D e la riduzione del rumore.

Non possiamo sapere se si tratta di un difetto del nostro sample o diffuso, ma non mancheremo di documentarci in merito.

La modalità 3D permette di avere accesso alle 4 equalizzazioni, ma non si notano particolari differenze nella spazialità del suono; piuttosto un discreto incremento dei bassi, cosa che – ovviamente – torna utile durante i videogiochi. Durante WRC 7, ho potuto constatare che le quattro modalità, basic, gaming, music, movie, corrispondono rispettivamente a: equalizzazione piatta, enfasi delle frequenze basse, alte e medie.

DSC02124 JPG

Peccato non poter agire nella personalizzazione di ciascuna di esse ma doversi accontentare. In generale però riescono a restituire una buona percezione mentre si gioca, riproducendo i vari suoni, tra cui le pietre che si schiantano al di sotto dei parafanghi, la voce del copilota, urti, scoppiettii del motore, in maniera precisa e coinvolgente. Di tanto in tanto si nota però una riproduzione metallica, che stona con il resto dell'esperienza.

Anche con Assassin's Creed Origins le impressioni sono le stesse, per cui relativamente al gaming e all'uso della modalità 3D, l'unico grande dubbio rimane sull'elevato fruscio di fondo.

Sospetto che sia dovuto alla riduzione dei rumori, che riesce a funzionare in maniera poco più che sufficiente, in quanto i click di tastiera e mouse rimangono ben udibili, mentre i lievi rumori di fondo, come quello dell'aspirapolvere del vostro vicino, vengono adeguatamente filtrati.

Il microfono è poco più che discreto per la chat. Il rumore di fondo è elevato, la voce piuttosto metallica e gracchiante. Insomma, decisamente sottotono per il prezzo richiesto.

Verdetto

Dopo averle analizzate per circa due settimane e usate quasi quotidianamente in vari contesti, il vero grande ostacolo di queste Mantra è il prezzo di acquisto, quantomeno ardito. I circa 170 euro richiesti su Amazon nel momento in cui scriviamo, sono tanti, e mettono queste cuffie nell'ombra di prodotti non solo ben più blasonati e richiesti ma migliori.

Non solo nella qualità audio e nell'esperienza d'uso, ma soprattutto nella costruzione e nei materiali. Se poi consideriamo che su questa fascia di prezzo si può portare a casa un paio di cuffie wireless di elevata qualità, facciamo fatica a consigliare queste Mantra.


Tom's Consiglia

Giocare si, ma con la libertà del wireless? Le Logitech G533 sono la scelta che consigliamo.