IoT

Recensione SecurVip Home Security, sistema di allarme senza fili

SecurVip Home Security

 

Un sistema di allarme facile da installare e controllabile dallo smartphone.

Screen Shot 2018 06 01 at 14 47 42


Securvip è un'azienda specializzata nella sicurezza, non quella informatica, ma quella del mondo reale. Offre differenti servizi, tra cui un sistema di allarme per la casa, uno per i veicoli (auto e moto) e uno per l'incolumità personale, che arriverà in futuro.

Abbiamo provato il sistema di allarme per la casa, scopriamo come funziona e cosa offre.

Come è fatto e cosa protegge

Il kit base per la casa è composto da una centralina, che è il cervello del sistema, due sensori giroscopici, uno volumetrico e un telecomando.

Screen Shot 2018 06 01 at 14 47 42

I sensori giroscopici servono per mettere al sicuro porte e finestre, mentre quello volumetrico è il classico sensore a infrarossi che rileva i movimenti all'interno di una stanza.

Tutti i sensori sono dotati di batteria, quindi non dipendono dalla rete elettrica. L'autonomia promessa dall'azienda è di ben quattro anni. L'unico componente da collegare a una presa elettrica è la centralina, che tuttavia dispone di una batteria interna che interviene in caso di mancanza di elettricità.

Sensore volumetrico

Screen Shot 2018 06 01 at 14 48 57Il sensore volumetrico è piccolo e discreto. Nella confezione sono presenti viti e tasselli per l'installazione, ma potrete anche installarlo con un biadesivo (già presente sul componente). Noi, ad esempio, l'abbiamo posizionato sul telaio di una porta a circa due metri di altezz

Peccato che nella confezione non sia presente anche una copertura marrone, che meglio lo adatta a una classica porta in legno. Se lo posizionerete su un muro bianco, scomparirà dalla vista.

Sensore giroscopico

Screen Shot 2018 06 01 at 14 48 49I sensori giroscopici permettono di rilevare il movimento, e quindi posizionati su una porta o finestra sono in grado di capire quando questa verrà aperta. Nel caso in cui un malintenzionato rompa un vetro, la vibrazione dovrebbe attivare ugualmente il sensore.

Per installarlo è sufficiente posizionarlo lungo il bordo della porta o finestra che si vuole controllare, dalla parte in cui il movimento di apertura è maggiore. Dopodiché, a porta chiusa, con l'estremità di una piccola graffetta, ad esempio, dovrete premere un pulsante che avvierà la calibrazione. In pratica i sensori registreranno la posizione della porta in posizione chiusa così da rilevarne la differente posizione in caso di apertura. Un LED rosso vi indicherà che l'input è stato ricevuto e la calibrazione effettuata.

In questo caso nella confezione sono presenti due coperture, una bianca e una marrone, che s'installano sopra il sensore per migliorarne l'estetica.

Entrambi i sensori sono molto piccoli e discreti e s'installano facilmente con del biadesivo.

IMG 20180601 141023

Installazione

L'installazione è semplice. Prima di tutto dovrete creare un account sul sito SecurVip, con il vostro indirizzo, numero di telefono e altri dati sensibili. L'azienda non vuole farsi i fatti vostri, ma siccome la sicurezza è fornita anche da una centrale operativa, di cui parleremo fra poco, gli addetti dovranno essere in grado d'intervenire nel caso di emergenza.

Dopodiché dovrete attivare i prodotti, inserendo un codice identificativo (presente su un'etichetta), nell'apposito campo quando richiesto.

Successivamente dovrete collegare la centralina, attendere che il LED diventi giallo / arancione, e poi collegare i vari moduli. Ogni modulo integra già la batteria, protetta da una linguetta in plastica che dovrete rimuovere – per attivarlo – prima dell'installazione. Quindi togliete la protezione e posizionate i sensori. La centralina emetterà un "bip" per indicarvi il riconoscimento e abbinamento del nuovo sensore.

A lavoro ultimato potrete scaricare l'applicazione su uno smartphone Android o iOS, effettuare il login e verificare lo stato di funzionamento del sistema.

Nel nostro caso abbiamo riscontrato alcuni problemi durante l'installazione, semplicemente perché le istruzioni presenti all'interno dei vari sensori, o indicate sulla procedura del sito, erano poco accurate, e in alcuni casi decisamente sbagliate. Alla pubblicazione di questa prova, l'azienda ha già corretto parte delle imprecisioni che abbiamo segnalato. Ad ogni modo, ignorando i dettagli e continuando nella procedura, il sistema si è installato e messo in funzione senza problemi.

Applicazione

Aprite l'App e vi troverete davanti tre pulsanti corrispondenti alle tre aree per cui l'azienda offre soluzioni di sicurezza. Con un paio di click sarete nella schermata di gestione del sistema di allarme. Le interazioni a vostra disposizione sono minime, infatti potrete unicamente premere il tasto di attivazione o disattivazione del sistema di sicurezza.

Screenshot 20180601 142925
Screenshot 20180601 142931
Screenshot 20180601 142956

Con una rapida occhiata potrete anche sapere se il sistema di sicurezza è attivo o meno. Da parte ogni sensore c'è un piccolo pallino che cambia colore in base allo stato.

Screenshot 20180601 143002
Screenshot 20180601 143010
Screenshot 20180601 143023

L'altro menù degno d'interesse è quello chiamato "Eventi", cioè un log di tutti gli eventi più importanti: l'attivazione dell'allarme, ma anche le notifiche di batterie scariche o la mancanza dell'elettricità in casa (registrata dalla centralina collegata a una presa elettrica).

Notifiche e connessione Internet

I più attenti si saranno accorti che nella procedura non ho citato la connessione a Internet. Come fanno quindi i sensori a comunicare con l'applicazione e a darvi indicazioni sullo stato del sistema di allarme? All'interno della centralina è presente un modulo di comunicazione dati, con una propria SIM, fornita e gestita direttamente da SecurVip. Non dovrete quindi usare la vostra connessione Internet, e nemmeno adoperarvi per acquistare e pagare una SIM dati.

In questo modo, oltre a facilitare la procedura d'installazione, sarete anche certi che il sistema funzioni sempre, anche in situazione di mancanza di connettività Internet o di elettricità.

Sensori aggiuntivi

Oltre al pacchetto base potrete acquistare un pacchetto di espansione, composto da due sensori perimetrali giroscopici per altrettante porte o finestre, un sensore volumetrico, un radiocomando e un led di stato. Quest'ultimo si accende quando il sistema di allarme è inserito, così da ricordarvi di disattivarlo prima di entrare in casa.

Potrete abbinare al sistema anche dei sensori per il rilevamento del fumo o di acqua. In alternativa, se v'interessano quest'ultimi ma non la sicurezza della casa, SecurVip vende un kit che include questi sensori e la centralina, sotto il nome di Home Safety.

Protection Plan

I kit di sicurezza sono accompagnati da un piano di supporto, che ha un costo mensile, e definisce il supporto dalla centrale operativa.

Se acquistate unicamente il kit, senza sottoscrivere alcun piano, questo funzionerà totalmente e riceverete le notifiche di allarme tramite SMS, mail o notifica nell'app. Se invece avete attivato un piano di supporto con la Centrale Operativa, quando suonerà l'allarme un operatore vi chiamerà al telefono pochi secondi dopo per avvisarvi, e verificare se si tratta, o meno, di un falso allarme.

IMG 20180601 141007

Nel caso di una reale intrusione, l'operatore potrà chiamare le forze dell'ordine e aiutarvi nel verificare cosa sia realmente successo.

La differenza tra i tre piani disponibili riguarda il costo giornaliero di attivazione della Centrale Operativa. Con il piano "One", che è quello incluso e gratuito, potrete attivare la CO al prezzo di 12.99€ per 7 giorni o 39.99€ per un mese. Con il piano "Smart", che vi costa 4.99€ al mese, avrete più libertà poiché potrete attivare la CO anche per un solo giorno, a 1.99€, 7 giorni a 7.99€, 14 giorni a 14.99€ e un mese a 29.99€. Infine, con il piano Elite, dal costo di 39€ al mese, avrete la centrale operativa e il SecurVip Link sempre attivi.

Quest'ultimo, incluso in tutti i pacchetti per un anno, rappresentala connettività telefonica (della SIM integrata) e negli altri piani costa 49.99€ all'anno, a partire dal secondo. Ad ogni modo, all'acquisto del kit di Home Security, dal prezzo di 499 euro, avrete già incluso per tre mesi il servizio Elite.

Possiamo quindi dire che il kit, anche senza CO, funziona senza problemi, ma dovrete tenere in considerazione almeno il costo annuale del SecurVip Link per ricevere le notifiche sullo smartphone.

Esperienza d'uso

Abbiamo provato il sistema per alcune settimane, e scomodato l'addetto della Centrale Operativa per alcune prove. L'inserimento dell'allarme tramite il telecomando è immediato, mentre tramite l'applicazione ci vuole un po' più di tempo poiché l'input deve essere recepito dalla centralina che, come detto, usa una propria rete dati. Se quando si esce di casa non è un problema, poiché basta dare l'input e lasciare che il sistema si sincronizzi, quando rientrate a casa è un po' meno comodo. Infatti, se vi ricorderete di disattivarlo mentre state tornando a casa, non avrete problemi, mentre se vi ritrovate fuori dalla porta con l'allarme inserito, allora rischierete di dover attendere un paio di minuti prima di poter entrare in casa senza far scattare l'allarme. 

IMG 20180601 143450

C'è da dire che, non essendoci una sirena inclusa, non creerete allarmi ingiustificati, ma se avete la Centrale Operativa attiva verrete ovviamente chiamati per verificare che sia tutto ok.

L'applicazione impiega qualche decina di secondi anche per sincronizzarsi e rilevare lo stato dell'allarme, cioè se è inserito o meno. Sarebbe stato preferibile avere il LED di segnalazione di stato incluso già con il kit base, e lo stesso vale per il secondo telecomando.

L'applicazione è comoda, ed è possibile installarla su ogni smartphone, ma almeno un paio di telecomandi al prezzo di 499 euro sono desiderabili. E per ora non è ancora possibile acquistare i dispositivi singolarmente, quindi se vorrete un paio di telecomandi in più, non potrete averli, a meno di comprare due kit di espansione completi.

Potrete però rivolgervi a un installatore. Infatti, in questo caso, SecurVip permette ai professionisti di confezionare dei kit ad hoc, con tanti sensori e accessori quanto quelli desiderati dal cliente.

Nell'applicazione non abbiamo trovato il modo di poter creare una seconda utenza, questo significa che su ogni smartphone che vorrete collegare dovrete inserire lo stesso nome utente e password dell'account principale. Ci è stato confermato dall'azienda che, almeno per ora, la situazione non cambierà, ma non esclude uno sviluppo futuro.

Non esiste, almeno per ora, una sirena come componente del sistema, quindi nel caso d'intrusione il ladro sentirà solo un sonoro bip derivante dalla centralina. In quel momento l'avviso dell'attivazione dell'allarme è già partito e dovreste essere già stati notificati, quindi anche se il malintenzionato rileva la centralina e la rompe, danno a parte, non blocca la segnalazione. Ad ogni modo, installarla da qualche parte non in bella vista e che abbia una buona connettività è l'ideale.

Dopo che abbiamo volontariamente fatto squillare l'allarme, abbiamo ricevuto, in pochi secondi, un messaggio sullo smartphone che ci avvisava, assieme alla notifica dell'applicazione. Quasi immediatamente ci ha anche chiamato l'addetto della centrale operativa, che si è sincerato che andasse tutto bene. L'intervento è quindi stato tempestivo.

IMG 20180601 140948

Attorno a mezzanotte abbiamo spostato la centralina, scollegandola dalla corrente elettrica per reinserirla in un'altra presa (il LED è molto forte, e l'avevamo messa in camera da letto, momentaneamente). Oltre a continuare a funzionare senza corrente elettrica, in pochi secondi abbiamo ricevuto ancora un messaggio di avviso di interruzione della corrente elettrica, nonché la chiamata dall'addetto della centrale. In questo caso non abbiamo risposto, per capire cosa sarebbe successo, e semplicemente dopo un paio di chiamate non ne abbiamo più ricevute.

Abbiamo notato che nei messaggi ricevuti, ma anche nelle notifiche all'interno dell'applicazione, viene indicato l'evento, come l'attivazione dell'allarme, ma non ci sono indicazioni su quale sia stato il sensore a farla scattare. Interrogando nuovamente l'azienda, ci ha confermato che questo funzionamento è normale, e che l'implementazione della notifica del nome del sensreo che ha rilevato l'intrusione è tra le funzioni in sviluppo.

Verdetto

L'installazione del kit Home Security di SecurVip è semplice e veloce. Nel nostro caso abbiamo rilevato diverse imprecisioni riportate dai manuali e dalla procedura d'installazione sul sito. Piccoli problemi che l'azienda ha già risolto o sistemerà in futuro.

Il kit base di sicurezza include il necessario per l'installazione in una piccola casa, ma avremmo preferito trovare almeno un paio di telecomandi e il LED di segnalazione. Soprattutto considerando il prezzo di 499 euro e l'impossibilità, almeno per ora, di acquistare i singoli componenti. Certo potrete creare un kit ad hoc rivolgendovi a un installatore, ma speriamo che la procedura "fai da te" posso diventare presto alla portata di tutti.

IMG 20180601 140918

L'applicazione è essenziale, funziona bene, ma un po' più di velocità non guasterebbe, soprattutto nel rilevare lo stato e disinserire l'allarme. L'avviso tramite SMS arriva invece tempestivo, così come la chiamata da parte della centrale operativa.

Nel caso di batterie scariche, potrete procedere autonomamente alla sostituzione, e tutte le informazioni vi verranno fornite da parte di un addetto dell'assistenza.

Anche se non è essenziale ai fini del funzionamento del prodotto, ci sarebbe piaciuto ricevere informazioni più dettagliate sul sensore che rileva l'intrusione, mentre gli avvisi che si ricevono sono generici., almeno per ora. 

Ci piace invece molto la completa indipendenza del sistema dalla connettività Internet casalinga, grazie a una propria SIM integrata, nonché la possibilità di funzionare anche senza elettricità.

Il prezzo di 499 euro (lo trovate su Amazon) rappresenta un impegno non indifferente. Probabilmente una copertura da parte della centrale operativa più estesa, o canoni più bassi negli anni, potrebbero rendere l'offerta ancora più interessante, sopratutto se il vostro desiderio è realizzare un piano di sicurezza totale, che possa includere in un'unica soluzione la casa, l'automobile e la vostra persona fisica.


Tom's Consiglia

Stavate invece pensando ad un sistema di videosorveglianza con IP Cam? Date un'occhiata ai nostri consigli con i migliori sistemi di questo tipo.