Tom's Hardware Italia
Telco

Reggio Emilia, Vodafone e Wind avviano la commercializzazione dei servizi su fibra ottica OF

Vodafone e Wind Tre hanno aperto la commercializzazione dei servizi per le prime 10mila case di Reggio Emilia già raggiunte dalla nuova infrastruttura in fibra FTTH di Open Fiber.

Vodafone e Wind Tre sono le aziende che per prime hanno avviato la commercializzazione dei servizi su fibra Open Fiber per il comune di Reggio Emilia. L’iniziativa è supportata da una campagna di comunicazione con affissioni locali, attività sui social media e materiale dedicato, riservato ai punti vendita di Reggio Emilia. Nei prossimi mesi altri operatori nostri partner si aggiungeranno a Vodafone e Wind Tre.

Open Fiber ha infatti completato il cablaggio in modalità FTTH delle prime 10mila unità immobiliari di Reggio Emilia, che da oggi possono attivare servizi su fibra ultraveloce che garantiscono velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo. L’azienda compartecipata da Cassa Depositi e Prestiti sta collegando più di 60mila case e uffici di Reggio Emilia alla banda ultra larga, attraverso una rete interamente in fibra ottica e ad un investimento di circa 23 milioni di euro.

Photo credit - RS.photography/depositphotos.com

Belvedere, Buon Pastore, Crocetta e Migliolungo sono tra i quartieri già raggiunti dalla rete di ultima generazione di Open Fiber, che garantirà prestazioni elevatissime e non raggiungibili con le attuali reti in rame o miste fibra-rame.

L’infrastruttura di Open Fiber è un asset strategico per la crescita dei territori urbani, poiché sviluppa connessioni e servizi digitali, leve principali della produttività per affrontare le sfide economiche e sociali di oggi e dei prossimi anni.

I servizi abilitati dalla banda ultra larga, e di cui beneficeranno Enti, cittadini e imprese, sono numerosi, e si estendono ad ambiti come l’e-health, il cloud computing, lo streaming online di contenuti in HD, applicazioni Smart City come la mobilità sostenibile, il controllo elettronico degli accessi, il monitoraggio ambientale, la gestione dell’illuminazione pubblica e la digitalizzazione dei servizi per il turismo.