Spazio e Scienze

Ricerca di vita aliena: il SETI ha un nuovo candidato

La ricerca di vita extraterrestre nello Spazio profondo si sta facendo sempre più interessante. Dopo la disillusione sul celebre segnale Wow!, che per molti anni è stato ricondotto agli alieni, e invece potrebbe essere stato originato da due comete, è la volta di un altro segnale radio captato dal SETI Institute.seti1

Si tratterebbe di "un forte segnale in direzione della stella HD 164595". Non c'è ancora l'annuncio ufficiale, ma Paul Glister di Centauri Dreams scrive di avere ricevuto conferma direttamente dall'astronomo italiano del SETI Claudio Maccone. La stella da cui proviene si trova a circa 95 anni luce di distanza da noi, ha una dimensione stimata di circa 0,99 masse solari, si trova nella costellazione di Ercole, e ha un'età stimata di circa 6,3 miliardi di anni e una composizione simile al nostro Sole.

Secondo la fonte questo Sistema Solare avrebbe almeno un pianeta simile a quelli del nostro Sistema Solare: "un pianeta noto in questo sistema, HD 164.595 b, ha un periodo orbitale di 40 giorni. Ci potrebbero essere altri pianeti ancora inosservati in questo sistema".

54a8b24bf8806436cada5876b3d8864c XL

Il segnale è stato rilevato a maggio 2015 dal radiotelescopio RATAN-600 a Zelenchukskaya, in Russia vicino al confine con la Georgia, a una lunghezza d'onda di 2,7 cm con un'ampiezza stimata di 750 mJy. Secondo le informazioni è buon candidato SETI, il che significa che sono necessarie ulteriori indagini per capire meglio di che cosa si tratta. Sia chiaro quindi che è presto per parlare di ritrovamento di una civiltà extraterrestre. Semplicemente il segnale è interessante e per questo i ricercatori russi che lavorano con il radiotelescopio RATAN-600 pensano al monitoraggio permanente di questo obiettivo.

seti3
Il radiotelescopio RATAN-600

I risultati della scoperta saranno discussi nel corso della riunione del Comitato Permanente SETI IAA, che si terrà durante il 67° Congresso Astronautico Internazionale (IAC) a Guadalajara, in Messico, a partire da martedì 27 settembre 2016. Restate sintonizzati.